cerca

Il groviglio che blocca l’Italia

Per la Corte dei conti la burocrazia frena l’economia e spinge la corruzione

14 Febbraio 2020 alle 06:00

Il groviglio che blocca l’Italia

(foto LaPresse)

Il presidente della Corte dei conti Angelo Buscema ha nuovamente invitato la politica a rimuovere gli ostacoli burocratici agli investimenti, che assieme ad altri fattori condannano l’Italia alla crescita zero. Di “lentezze esasperanti delle procedure” ha parlato anche il procuratore generale Alberto Avoli, allargando il discorso dalla ricostruzione post terremoto a “un sistema amministrativo che non si limita a bloccare le risorse pubbliche ma sembra far di tutto per frenare anche l’iniziativa dei privati”. Non è la prima volta che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gdaines

    14 Febbraio 2020 - 12:44

    Una cosa che si omette nel parlare di burocrazia è che spesso questa dipende e soggiace ad un sistema giudiziario che la amplifica nel l’autotutela e nei percorsi di giustificazione. Non è più un “servizio” ma diventa un “onere” una tassa che va pagata senza brontolare! Assomiglia sempre di più ad una spada che separa crudelmente il cittadino dai suoi diritti che si trasformano Invece in un’orda di moduli, di pellegrinaggi e di umiliazioni! Se il cittadino fosse veramente al “centro” si farebbe leva sulla sua consapevolezza e serietà per accordargli un servizio e non invece ingarbugliarlo in percorsi assolutamente inutili e spesso anche molto discrezionali. Ma in in un paese che poggia su migliaia di leggi inefficaci e inutili, mai abrogate, è solo un “sogno” quello di attenuare, meglio se superare, la burocrazia e i suoi gestori!

    Report

    Rispondi

    • gcpasini

      14 Febbraio 2020 - 14:50

      Ci hanno appena tolto la possibilità di pagare online gli F24 dei contributi contenenti importi di compensazione crediti;e nemmeno in banca o in posta si possono addebitare in conto, operazione possibile solo tramite l'agenzia delle entrate o le associazioni di categoria, naturalmente con aggravio di inutili balzelli; già nessuno ci spiegava perchè erano ugualmente esclusi gli F,23, ora tanto per darci una mano a semplificare il percorso dei pagamenti...inventano una nuova stupida e retrograda imposizione !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Report

      Rispondi

Servizi