cerca

Protezionisti Dem

Perché in campo democratico nessuno critica le finalità anti cinesi della guerra commerciale di Trump

Alberto Brambilla

Email:

brambilla@ilfoglio.it

7 Agosto 2019 alle 06:00

Protezionisti Dem

Xi Jinping e Donald Trump (LaPresse)

Roma. La guerra commerciale finora ha avuto scarsa attenzione da parte dei candidati democratici alle presidenziali americane del 2020 e, in ogni caso, nessuno ha espresso una critica al protezionismo dell’Amministrazione Trump, che sta producendo un’escalation di aumenti dei dazi alle importazioni cinesi per volumi e prodotti. Nonostante l’importanza per l’economia americana – e i potenziali effetti negativi per le imprese e i consumatori, oltre che per le implicazioni geopolitiche – solo tre candidati su 23 ne hanno parlato nella...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Alberto Brambilla

Alberto Brambilla

Nato a Milano il 27 settembre 1985, ha iniziato a scrivere vent'anni dopo durante gli studi di Scienze politiche. Smettere è impensabile. Una parentesi di libri, arte e politica locale con i primi post online. Poi, la passione per l'economia e gli intrecci - non sempre scontati - con la società, al limite della "freak economy". Prima di diventare praticante al Foglio nell'autunno 2012, dopo una collaborazione durata due anni, ha lavorato con Class Cnbc, Il Riformista, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e il settimanale d'inchiesta L'Espresso. Ha vinto il premio giornalistico State Street Institutional Press Awards 2013 come giornalista dell'anno nella categoria "giovani talenti" con un'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Ferny55

    07 Agosto 2019 - 16:04

    Fondamentalmente per due motivi: il primo, hanno svenduto interi settori manifatturieri e proprietà intellettuali in vasti settori ad alta tecnologia alla Cina. Il secondo, perché sono con ogni probabilità compromessi. Il figliuolo del Vice Presidente di 44 ha ricevuto dalla Cina 1,5 miliardi di dollari mentre il padre era in carica e la senatrice Feinstein per vent'anni ha usufruito dei servigi di una autista personale, che è stato scoperto essere una spia cinese dopo che è andato in pensione. Ci sarebbe da parlare anche del marito della senatrice, grande appaltatore del Governo Federale USA, impegnato in tantissimi affari anche con la Cina Per rendere l'dea, le attività del marito della senatrice valgono qualcosa come oltre 4,5 miliardi di dollari. Per non parlare poi di alcune sentenze recenti che hanno coinvolto a vario titolo personale della vecchia amministrazione, condannate per corruzione e guarda un po' da chi erano stati corrotti? Dalla Cina ovviamente.

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    07 Agosto 2019 - 11:11

    Un dato che conferma come l'economia Usa abbia, fondamentalmente, una impostazione neocorporativa, naturale corollario di un sistema politico plutocratico.

    Report

    Rispondi

Servizi