cerca

Una tassa per svuotare le culle

Salvini lamenta la denatalità, ma la sua flat tax è un incentivo a non procreare

16 Aprile 2019 alle 06:00

Una tassa per svuotare le culle

(Foto Pixabay)

“Il vero spread è quello delle culle vuote” ripete Matteo Salvini. Difficile dargli torto. Ma ecco la ricetta: “Flat tax a misura di famiglia del 15 per cento per i redditi cumulati fino a 50 mila euro”. A parte l’insostenibilità della misura, tra i 12 (secondo la Lega) e i 60 (secondo il Tesoro) miliardi l’anno, come funzionerebbe? Sommando i redditi “di papà e mamma” e, se non superano i 50 mila euro lordi, prelevandone per l’Irpef appunto il 15 per cento, cioè 7.500 euro. I coniugi dovrebbero rinunciare alle attuali detrazioni, compresi gli 80 euro del bonus Renzi per produrre reddito utile anche a riempire le culle, le spese mediche, il mutuo e le ristrutturazioni, nonché i benefici per combattere la denatalità come il bonus bebè e gli asili nido.

 

Al di là di questo, secondo l’ufficio studi del Consiglio nazionale dei commercialisti la flat tax salviniana sarebbe appetibile per due tipi di contribuenti: dipendenti single e nuclei con un solo reddito. Non il massimo per fare figli. Se in famiglia entrambi i genitori lavorano dovrebbero stare attenti a non superare la soglia di flat tax: uno stipendio lordo da 25 mila euro e uno da 24 mila (totale 49 mila) farebbero scattare l’allarme. Al papà o alla mamma converrebbe rinunciare a miglioramenti retributivi, promozioni, premi di produttività, scatti. A ciò che premia il merito e la parità tra uomo e donna, e serve anche a mettere al mondo e tirare su figli.

 

Utopia senza futuro

La Finlandia è il paese più felice al mondo e il paradiso delle mamme. Ma non nascono bambini. Una lezione per l’Europa senescente

L’ufficio studi dei commercialisti segnala un altro rischio, studiato in Svezia negli anni 50 quando venne introdotta la tassazione sui redditi familiari; banalmente appena visto all’opera in Italia per ottenere il reddito di cittadinanza: le separazioni e i divorzi a scopo fiscale per creare due fittizie famiglie monoreddito. Il vero incentivo alla natalità sarebbe l’introduzione del quoziente familiare come in Francia, nel quale i redditi di matrimoni e unioni civili si sommano, si dividono (ogni figlio vale, a seconda dei casi, una o mezza parte) mantenendo una deduzione d’imponibile del 10 per cento. La Francia ha un tasso di natalità di 1,9 per genitore, rispetto all’1,3 dell’Italia. Ma non parlate di Francia a Salvini. E neppure chiedete all’idolo del Family day come riempire le culle. Potrebbe svuotarle.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi