cerca

Così l’Italia gialloverde è diventata una zavorra per l’Europa

Nel 2019 avremo il deficit più alto e il pil più basso del continente. Il governo smentito parla di “défaillance tecnica” della Commissione

8 Novembre 2018 alle 18:52

Così l’Italia gialloverde è diventata una zavorra per l’Europa

Foto LaPresse

Roma. La sfida tra Italia gialloverde e il Resto del mondo si rinnova tra Bruxelles, Washington e Roma, ma il risultato lo sapremo tra il 21 novembre (data dell’ormai probabile avvio della procedura d’infrazione della Commissione europea contro il nostro paese), la primavera prossima (entrata in vigore della procedura) e luglio 2019, quando le agenzie di rating inizieranno a rivedere i giudizi sul debito sovrano, industrie e banche: incombono due outlook negativi, di S&P’s e Ficht, cioè possibili nuovi declassamenti...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gabriele.gab.monti

    08 Novembre 2018 - 22:10

    ma dovete fare propaganda contro il governo su ogni notizia che esce? piuttosto mi domanderei se questa Governance europea funziona. Guardate gli Usa va..

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    08 Novembre 2018 - 22:10

    Finché avremo un governo populista con l’Europa saranno dolori. Cosa fare per poter avere un’alternativa a questo governo? Il PD così come lo vediamo non avrà mai storia. FI è alla frutta, il resto è noia. Quindi? Quindi occorre non un congresso, non assemblee di perditempo ma occorre un leader nuovo che prenda in mano il partito e lo rigeneri. Salvini d’altronde è venuto fuori dalla pancia della lega non certo dai congressi. Il leader moderato deve nascere dalla sttada, dalla base e portare avanti istanze che il popolo di centro sinistra e non solo condivida e faccia sue. Continuare come vediamo non risolverà nulla e prima l’Italia poi l’Europa faranno una brutta fine. Il PD non è tramortito dalla batosta del 4 marzo. Il PD è avvinghiato a leader morti che invece di sparire ottusamente vorrebbero rinascere. L’angoscia è la mancanza di alternativa e a questo noi siamo.

    Report

    Rispondi

  • fiorevalter

    08 Novembre 2018 - 19:07

    chissà che qualcuno non si stia chiedendo se è proprio vero che l'Europa ha bisogno dell'Italia...

    Report

    Rispondi

Servizi