cerca

L'Europa sarà l'epicentro di una nuova crisi finanziaria?

Abbiamo chiesto a Brunello Rosa e Carlo Altomonte se il Vecchio contente è "il canarino nella miniera" vista la sua debolezza economico-politica rispetto a Stati uniti e Cina oppure se i segnali più critici si ravvisano in altre aree del mondo

3 Ottobre 2018 alle 15:14

L'Europa sarà l'epicentro di una nuova crisi finanziaria?

Foto Michael Sonnabend via Flickr

Da una serie di segnali di tipo macroeconomico e geopolitico, si vede che l’area euro rischia di trovarsi schiacciata tra il fronte delle tensioni commerciali che si è aperto tra Stati Uniti e Cina – in lotta soprattutto per il predominio tecnologico – e l’ascesa di nuovi governi di stampo populista. Vaso di coccio tra vasi di ferro, l’Europa potrebbe non riuscire a gestire una nuova crisi del debito generata, per esempio da un paese come l’Italia, perché l’arrivo dei populisti al potere in vari paesi, potrebbe rendere più difficoltoso ricorrere agli strumenti di politica monetaria e fiscale che sono stati utilizzati a partire dal 2008. Se il rischio di ascesa del populismo venisse contenuto con politiche di redistribuzione, il pericolo che l’Europa faccia da epicentro a una nuova crisi diminuirebbe facendo emergere altri possibili focolai come Stati Uniti e Cina. Improbabile, secondo me, una recessione scatenata solo dai paesi emergenti.

 

Brunello Rosa, Rosa & Roubini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi