L’Alitalia di stato non deve decollare

L’intervento pubblico non farebbe altro che preparare la prossima crisi

8 Giugno 2018 alle 06:00

L’Alitalia di stato non deve decollare

foto LaPresse

L’ intervista a Repubblica del neo ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, ha fatto suonare un campanello d’allarme su Alitalia. Toninelli del Movimento 5 stelle ha adombrato la possibilità di sostituire i tre commissari straordinari (Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari) e ha aperto a un ruolo pubblico nella ex compagnia di bandiera. Alitalia è fallita un anno fa e vola grazie a un finanziamento pubblico da 900 milioni di euro in attesa di trovare un compratore...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Chichibio

    08 Giugno 2018 - 18:06

    Sostenere che il turismo è il nostro petrolio significa privilegiare un destino di albergatori, pizzaioli e camerieri. E comunque il turista arriva con voli a basso costo. E va in Croazia, che non ha il Colosseo, ma è bella ed economica.

    Report

    Rispondi

Servizi