L’iperproduttività cinese e la trappola delle regole internazionali

Le economie di scala permettono a Pechino di esportare a prezzi stracciati, ma i numeri e le teorie economiche parlano chiaro: per far crescere il pil serve il libero mercato

5 Aprile 2018 alle 06:20

L’iperproduttività cinese e la trappola delle regole internazionali

Foto LaPresse

La recente escalation di dazi tra Cina e Stati Uniti mette in evidenza una questione fondamentale: l’Organizzazione mondiale del Commercio non è stata istituita né ha oggi gli strumenti per gestire un’economia come la Cina, che produce la metà di tutto ciò che viene consumato al mondo. Secondo le regole dell’Omc, i dazi possono venire imposti se un paese fa del dumping dei propri prodotti sui mercati internazionali, cioè se i prezzi di esportazione sono minori rispetto ai prezzi in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi