cerca

Così la Sicilia svolazzava con frivolezza sulle tragedie del Novecento

Nel 1903 nasce una rivista per narrare le bellezze dell’isola. La Sicile Illustrée è la gloriosa autorappresentazione della nobiltà. Un mondo incantato, inutile ed eterno, che gira a vuoto. Ma a un passo dalla Grande guerra

13 Gennaio 2020 alle 09:54

Così la Sicilia svolazzava con frivolezza sulle tragedie del Novecento

Giovanni Boldini, "Ritratto di Franca Florio", 1901-1920

La Sicilia della belle époque è poliglotta e policroma, leggiadra e vivacissima, ha un cuore di ostinata vaghezza e un altro di focosa vacuità, è un pieghevole di concerti e operette e commedie dove ogni tanto spunta qualche tragedia collettiva vera e spettacolarizzata, ma solo distrattamente, è un registro di nascite, nozze e morti in cui ogni dettaglio viene offerto sull’altare della mondanizzazione, un cunto in cui c’è posto per l’attenzione sociale, sì, ma in forma di caritatevole distanza, quel...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    14 Gennaio 2020 - 09:03

    Perchè la Sicilia di quegli anni non avrebbe dovuto essere come il resto d'Europa? E i Florio, cui rimanda il ritratto, mi pare, di donna Franca, non avevano cominciato con il mettere le sardine non progressiste in scatola? E la compagnia di navigazione Florio-Rubattino? Certo era un capitalismo diverso da quello progressista di oggi e per questo nel Foglio non può godere di simpatie.

    Report

    Rispondi

Servizi