cerca

Ma non è Pornografia

La noia, l’attesa, la guerra. Il ritorno del romanzo di Gombrowicz, un’ode continua alla giovinezza, che però non salverà il mondo

18 Febbraio 2019 alle 11:43

Ma non è pornografia

Witold Gombrowic

Una volta, dentro alla grande biblioteca universitaria di Varsavia, bella, a vetri e sovrastata da giardini e piante rare, la moglie di Witold Gombrowicz, Rita, mi disse che suo marito non amava l’impegno. Ma più Gombrowicz nei suoi libri fuggiva dalla politica, dal messaggio sociale, dalla denuncia, più la politica sembrava piombargli addosso e i messaggi sociali e le denunce sornione si intrufolavano nei suoi romanzi. Volutamente distaccato dalla sua Polonia, l’autore non faceva altro che parlare di Polonia, di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Micol Flammini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

Servizi