cerca

In mostra a Basilea. L'ossessione per l'uomo e la verità di due geni del Novecento

La vicinanza delle vicende personali e artistiche di Alberto Giacometti e Francis Bacon diventa un duello per la resa dei conti finale. Con la domanda che non si dovrebbe porre: chi è stato più grande?

13 Agosto 2018 alle 14:27

Lo scultore Alberto Giacometti con il pittore irlandese Francis Bacon

Lo scultore Alberto Giacometti con il pittore irlandese Francis Bacon (foto Graham Keen)

“Pur affermando di provare un’ammirazione speciale per Alberto Giacometti, Francis si presentò completamente ubriaco a una cena in suo onore organizzata da Isabel Rawsthorne. Via via che si sbronzava sempre di più, il suo discorso sull’arte degenerò, come al solito, in un monologo involuto sulla vita e sulla morte. Giacometti beveva con moderazione e ascoltava, scrollando di tanto in tanto le spalle: ‘Chi può dirlo?’. Rendendosi conto che stava annoiando quello che lui considerava ‘il più meraviglioso tra tutti gli...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi