cerca

Ogni Antigone vìola la legge sapendo che ne pagherà le conseguenze

Contrasto eterno, ma c'è un futuro per la disobbedienza civile

7 Luglio 2019 alle 06:01

Ogni Antigone vìola la legge sapendo che ne pagherà le conseguenze

La disobbedienza civile ha un passato nobile (battaglie, fallimenti e vittorie), presenta gradi e forme di lotta differenti (da Socrate a Rosa Parks, Gandhi e Pannella) ha un colto côté intellettuale capace di fornire alla prassi un modello teorico di grande forza. Tuttavia il passato non basta a garantire il futuro alla disobbedienza. Perché la suddetta è una pratica seria che impone al disobbediente rigore e senso di responsabilità: altrimenti so’ boni tutti a disobbedire. Forse la vexata quaestio si può far risalire al complesso contrasto tra Antigone (la disobbediente) e Creonte (l’inflessibile ragion di stato), nell’inquieta tragedia di Sofocle. Naturalmente, finché ci sono pratiche che ci piacciono allora siamo tutti Antigone. Eppure Sofocle ci teneva a far conoscere le ragioni di Creonte. In fondo è stato chiamato per ristabilire l’ordine a Tebe, perché i due figli di Edipo, Eteocle e Polinice, sono venuti alle mani e per il trono sono morti. Il contrasto tra Creonte e Antigone oltre che commovente fornisce anche un base teorica alla disobbedienza: sì, tu vuoi seppellire tuo fratello? Ma lui ha tramato contro la città, con che faccia io vado dai parenti di quelli che sono morti combattendo per la città a dire che siamo tutti uguali? La soluzione non è facile, richiede attitudine e gusto del ragionamento, ma senza questo insanabile contrasto tra individuo e società, senza alcune premesse, appunto, torniamo al punto di cui sopra: a disobbedire so’ boni tutti. Invece il disobbediente è cosciente, sì, vero, c’è un insanabile contrasto e non cerco scappatoie. Tant’è vero che nei casi nobili è attraversato da un sentire socratico: non basta disobbedire o violare una legge. Per trasformare la disobbedienza in attività politica, bisogna anche affrontare le conseguenze.

 

Compito del disobbediente è mettere in contrasto l’individuo (portatore di diritti nuovi) con un’istituzione, ma non per sfizio e gusto della boutade: per coinvolgere invece la stessa istituzione in un ragionamento. Insomma, i disobbedienti non sono monelli, tantomeno snob, e nemmeno, fatti i conti, sono figli di papà. Esaminate le loro vite, spesso mostrano lo stigma dell’ordinarietà: so’ bravi ragazzi che non fanno marachelle. E tuttavia scelgono di violare la norma sapendo che ne pagheranno le conseguenze. Oltre al famoso e pingue, mal vestito e godereccio cittadino ateniese (Socrate) la cui apologia bisognerebbe leggere anche per capire come è bello, affascinante, necessario, utile alla nostra società, il gusto del ragionamento, altri disobbedienti hanno violato una norma nel tentativo di cambiare una legge e poi scelto il carcere volontariamente perché – pensano e giustamente – le idee si rafforzano se e solo se si vivono con integrità. Naturalmente questo non significa poter pretendere di avere ragione. Infatti i disobbedienti sanno che l’assoluto non esiste, anzi è la vera fonte di pericolo. Con assoluto si intende una certa dinamica intrinseca nel potere (che sia di stato o della controparte) e cioè, per l’appunto, il bisogno di dividere il mondo in buoni e cattivi e di invocare “valori non negoziabili” per poi giustificare le peggiori malefatte. L’assoluto è il vero pericolo del potere, perché è grezzo, maleducato, invade la sfera privata e così facendo ci toglie il gusto della lotta con conseguenze. Gusto che possiamo (e dovremmo provare) solo se ragioniamo sull’insanabile contrasto tra Creonte e Antigone. A proposito di potere, nel nostro presente, sarebbe necessario disobbedire alla tecnica del riflettore. Tecnica che consiste nell’inquadrare ciò che nell’avversario è ridicolo e grottesco. Tutto ciò che è esagerazione, montatura, distorsione, insulto, sfogo, grida, Rolex al polso e turpiloquio da ubriaco con annessi e connessi. Contro questa tecnica che nega sul nascere ogni ragionamento, perché esaspera e dunque rimuove il conflitto, bisognerebbe individualmente disobbedire (tu sei violento, io sono pacifico, direbbe Aldo Capitini), sapendo che come conseguenza verremmo isolati. Ma più isole, si sa, fanno un arcipelago.

Antonio Pascale

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gheron

    07 Luglio 2019 - 12:12

    Tornerò volentieri a leggere di Catòne, Marco Porcio, detto " il Censore ", che non tanto, si dice, ammirasse quei Greci. E " Vita di Nicolò Machiavelli fiorentino " di Prezzolini, quel capitolo in particolare in cui si parla di come il Nostro vedesse quei " Romani... gente seria, decisa e spicciativa...mettevano sotto i piedi la bontà, l'umanità, la cortesia e il rispetto delle leggi, per la Patria... i Romani fino al tempo dei Gracchi; gli altri piacevano meno al Machiavelli...troppo istruiti, troppo artisti, troppo colti, troppo filosofi...cominciarono a guardare l'ombra invece del sole...il mondo rincorbellì e invigliacchì; né ci fu verso di rimettelo in piedi".

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    07 Luglio 2019 - 10:10

    Si ma anche tanti galli a cantare non fanno mai giorno. Anche Paolo predicava la libertà in Cristo contro la legge, poi la legge la fecero per la sua setta i suoi successori. Bello disubbidire, bello fregarsene ma poi i conti tornano, devono tornare altrimenti è anarchia, disordine, monnezza dove è dove ci pare o gli pare. Bello citare filosofi, fare allegorie, però anche i filosofi mangiano e dormono ed hanno una casa. Quindi? Quindi piedi per terra e filosofeggiamo davanti ad un bel piatto di rigatoni all’amatriciana perché il disordine o lo si risolve insieme oppure ognuno si regola come gli pare e lo vediamo. Anarchia.

    Report

    Rispondi

Servizi