E' morto lo scrittore Tom Wolfe

Il saggista e giornalista ha trascorso gli ultimi giorni in un ospedale di Manhattan, dove è stato ricoverato per via di un'infezione. Aveva 87 anni 

15 Maggio 2018 alle 18:01

E' morto Tom Wolfe

Tom Wolfe con George W. Bush e sua moglie. Foto LaPresse

È morto ieri a New York lo scrittore e giornalista americano Tom Wolfe. Il Guardian, che ha parlato con il suo agente, dice che lo scrittore è morto in un ospedale di Manhattan, dove era stato ricoverato a causa di un'infezione.

 

Wolfe, all'anagrafe Thomas Kennerly Wolfe Jr., era nato a Richmond il 2 marzo 1931 e aveva 87 anni. Esordì come giornalista nel 1957 presso lo Springfield Union, per approdare tre anni dopo al Washington Post e nel 1962 al New York Herald Tribune. 

E' stato il pioniere del "new journalism", iniziando a usare espedienti narrativi tipici della letteratura anche nei testi giornalistici. Lo stesso nome viene da una sua idea: "new journalism" è infatti il titolo di una raccolta di saggi pubblicati nel 1973. Anche l'espressione "Radical chic" è stata coniata da Wolfe, almeno nell'accezione con cui ancora oggi viene utilizzata. 

Il suo romanzo più importante è "Il falò delle vanità", pubblicato nel 1987, con cui è diventato famoso in tutto il mondo. 

   

E Wolfe bruciò Darwin

Così “Il regno del linguaggio” fa a pezzi l’evoluzionismo. Soprattutto quello di Noam Chomsky

  

L’invenzione dei giovani

I reportage di Tom Wolfe, scritti tra il 1963 e il 1965, sui giovani del boom 

  

Il falò delle vanità evoluzioniste

Tom Wolfe fa a pezzi “Charlie” Darwin: “Non ci ha spiegato perché siamo i soli a parlare”. Il grande scrittore americano smonta un altro tabù: “E’ il linguaggio, non l’evoluzione, il responsabile del progresso umano”

  

Voglio una vita come Tom Wolfe

Voglio pubblicare anch’io un libro come “Il regno della parola”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi