cerca

A Sciacca, dai pescatori che salvano uomini in mare e si stupiscono del nostro stupore

Oltre le leggi, che in ogni caso puniscono l’omesso soccorso, ci sono istinto e pratica, la complicità che diventa sopravvivenza. L'umanità e i simboli, dalla famiglia Giarratano a Primo Levi

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

30 Luglio 2019 alle 06:00

A Sciacca, dai pescatori che salvano uomini in mare e si stupiscono del nostro stupore

Foto LaPresse

Un secchio, acqua e fette biscottate, il kit di salvataggio è semplice e sempre pronto: il secchio per raddrizzare il gommone che imbarca acqua, qualcosa da bere e qualcosa da mangiare. Il soccorso in mare funziona così, senti un urlo e vai a vedere che cosa succede, ascolti le richieste, dai il primo sostegno, soprattutto rassicuri, perché spesso tutt’attorno è buio e perché anche se è la disperazione che ti ha portato in mare puoi sì conoscere i rischi, ma hai comunque paura di morire. Carlo Giarratano, il capitano del peschereccio di Sciacca che ha assistito un gruppo di migranti prima che arrivasse la Guardia costiera italiana a caricarli, ha raccontato il salvataggio notturno come se fosse la cosa più naturale del mondo: anzi, ricordandoci che è la cosa più naturale del mondo. “Nessun uomo di mare sarebbe mai tornato a casa senza essere certo di aver salvato quelle vite”, ha ribadito Gaspare, il papà di Carlo, replicando la stessa naturalezza, e lo stesso stupore: ci chiamate eroi, ma noi facciamo una cosa normale per un marinaio, per un pescatore, per un uomo.

 

Oltre le leggi, che in ogni caso puniscono l’omesso soccorso, ci sono istinto e pratica, quella complicità che in mare diventa sopravvivenza, e non importa se hai altro da fare, se devi tornare con il carico perché il mercato apre presto, se i pesci sciabola si muovono soltanto in certe ore e poi rischi di avere la rete vuota: non importa, se senti un urlo, se senti che qualcuno ha bisogno, vai. Il peschereccio che ha dato il primo soccorso a un gommone di migranti la settimana scorsa si chiama “Accursio Giarratano”: Accursio è morto a quindici anni per una malattia. Suo padre e suo fratello, nelle interviste che hanno rilasciato in questi giorni, raccontano che il loro impegno è dedicato a lui, “che ci benedice da lassù”, ma ripetono che anche se la famiglia non fosse stata colpita da questa tragedia – “perdere un figlio ti cambia la vita”, dice Gaspare – non avrebbero avuto alcun dubbio: “Conosciamo una sola legge, quella del mare, e non lasceremmo mai nessuno alla deriva. Lo facciamo perché siamo uomini”. E se arriveranno i sequestri, le multe, i decreti sicurezza, non cambierà nulla, “non siamo ricchi, siamo dignitosamente pescatori, e sottolineo dignitosamente”.

  

Non è la prima volta che i Giarratano salvano un barcone, hanno la licenza per pescare in acque internazionali, gli urli li hanno già sentiti: era già accaduto il 6 novembre scorso, avevano accompagnato i migranti a Malta. La settimana scorsa, le autorità di Malta non hanno risposto, i Giarratano hanno chiamato le autorità italiane, hanno aspettato vicino al gommone – senza far salire nessuno a bordo – l’arrivo della Guardia costiera e poi, una volta che la nave Gregoretti ha iniziato il trasbordo, sono rientrati. Il ministero dell’Interno non vuole ora far sbarcare i migranti: finché gli altri paesi europei non danno la loro disponibilità alla registrazione e all’accoglienza, non scenderanno a terra. Il divieto fa parte della strategia di Matteo Salvini, che si nutre di simboli, di zecche tedesche, di emergenze fasulle, di incidenti diplomatici in mare, di polemiche a terra, che sia la gente che grida “spero che ti stuprino” alla capitana della SeaWatch o la dileggia perché è senza reggiseno.

 

Si diceva che la presenza delle ong nel Mediterraneo fosse un incentivo all’immigrazione: come ha scritto Matteo Villa, ricercatore dell’Ispi, dal 1 gennaio al 25 luglio, sono partite 7.461 persone dalla Libia, 1.249 quando c’erano le ong, 6.212 da quando non c’è “nessun assetto europeo a fare ricerca e soccorso”. Il pull factor delle ong non esiste, esistono i Giarratano che domani sera andranno nell’ex Collegio dei gesuiti, la sede del comune di Sciacca, e riceveranno un riconoscimento pubblico per “l’azione di coraggio e umanità” – un’istituzione premia l’istinto di salvare e di salvarsi, che affronto, sarebbe quasi da andarci senza reggiseno.

 

E poiché i simboli non funzionano soltanto negli scontri e nelle polemiche, la serata di Sciacca è dedicata ai cento anni dalla nascita di Primo Levi, che in “Se questo è un uomo” ricordava l’attimo preciso in cui quel che si credeva impensabile, impossibile, è diventato realtà: “Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere quest’offesa, la demolizione di un uomo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi