cerca

La voce come il tarlo di un buon dubbio

Bordin sentito in macchina al mattino dai bambini, andando a scuola. E il silenzio che rimarrà

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

17 Aprile 2019 alle 21:40

La voce come il tarlo di un buon dubbio

Massimo Bordin e Marco Pannella insieme nel 2007

La Camera ardente di Massimo Bordin sarà aperta domani, 18 aprile, dalle ore 10.30 alle 15 presso l’ospedale IDI di Roma. Venerdì 19 aprile alle 10.30, alla facoltà valdese, via Pietro Cossa 40, Roma, il saluto degli amici

 


 

L’equipaggio-macchina, per molti anni fatti di molte mattine e di molte code ai semafori sulla via della scuola, era anche una strategia di sopravvivenza genitoriale, e di accudimento filiale, non privi di affetto, come le favole raccontate al mattino. Si portavano all’asilo e poi alle elementari i figli, e i loro compagni, fino a stipare l’auto di umani e zainetti, e a turno ognuno aveva la sua strategia. Mamme che raccontavano storie, padri che facevano cantare, e dire le preghiere, mamme che mettevano i cd di musica e fiabe. Zero smartphone, allora. Al mio turno accendevo la radio, “Buongiorno agli ascoltatori, eccoci all’appuntamento con Stampa e regime, la rassegna stampa di Radio Radicale”. Necessità mia, e virtù di quella voce di caverna e da fiaba, ma da mago delle parole che s’intuiva buono, che abbassava di colpo i decibel, trasformava le chiacchiere in sussurri e in silenziosi fruscii il traffico delle figurine dei Pokémon. Il dubbio del possibile trauma infantile indotto da quello scaraventare nell’abitacolo quei discorsi lenti, astrusi, lo ricacciavo indietro, anzi non mi ha mai sfiorato. Ogni tanto ridevano, quando citava il Foglio: la prova che quello strano lavoro che facevo esisteva davvero, in un mondo reale ma distante. Così la voce di Massimo Bordin, in quelle antiche mattine, era diventata una cosa familiare, uno di famiglia. Chissà che effetto avrebbe fatto a lui, avesse sospettato di essere “uno di famiglia” per famiglie così lontane dal suo mondo. Mi sono chiesto a volte se sia stata anche una educazione sentimentale, ma di certo no. Lo è stata per noi, altra generazione, una educazione civile, quella narrazione quotidiana. Il mondo decifrato attraverso le parole dei giornali, oggi non c’è più. 

 

Radicale, ma dimissionario

Trascorsi, trotzkismi, tribunali e giornali di Massimo Bordin, l’alter ego di Pannella

 

I miei figli, cresciuti, vivono in un’Italia, anche sotto il profilo di chi la conosca, e la sappia narrare, più vuota. Mi è capitato di pensare, a volte, a quanto sarà meno ricca l’educazione sentimentale e civica, e letteraria, delle generazioni che oggi non hanno più alcuna passione urgente per la politica, tanto meno per la lettura dei giornali, e hanno disintermediato e ridotto a stories il rapporto con le news. Insomma senza la mediazione, la maieutica, di un narratore onnisciente ma a tratti reticente, capace ogni mattina di riannodare e dipanare il filo del mondo. Senza quella voce.

 

“Il M5s piange Bordin, ma ha chiuso Radio Radicale”. La rabbia di Sgarbi

Il deputato interviene in aula alla Camera per ricordare il giornalista scomparso. E attacca i grillini: “C'è un limite all'indecenza! L'unico modo di commemorarlo è non chiudere Radio Radicale!”

 

Massimo Bordin, la persona, l’ho incontrato un paio o tre di volte, e qualche telefonata. Non c’è bisogno che aggiunga la mia, su un uomo che aveva scelto la precisione e il riserbo come regole naturali. Mi piace ricordarlo come Adriano Sofri: sembrava Donald Sutherland anche a me. Che mi abbia insegnato molto, e incuriosito sempre, è la cosa che importa, che resta. Quando morì Pannella, “Marco” per lui e per molti altri, mi capitò di scrivere, a mo’ di nota a margine senza la pretesa dell’eterodossia una cosa che avevo per la testa. Che quell’angelo sterminatore, quel demone che era stato Pannella per i cattolici fosse invece stato, paradossalmente, un katékon ribaldo, che l’aveva difesa da se stessa, la chiesa, costretta a uscire, messa in guardia dai suoi vicoli ciechi. Non so come la prese, Bordin, non credo che andasse in cerca di sorprese. Ma una parte di quella mia impressione, di quella percezione di Pannella, veniva anche da un lungo ascolto di quei racconti alla radio, di quei contrappunti di giudizio – sempre motivati, non per forza sempre condivisi – che invitavano a capire, prima che a giudicare o a schierarsi. E sottilmente, come un mago nella sua caverna, a seguire i meandri di una cultura diversa, laica e illuminista, e a porsi le stesse domande che rimbalzavano dalle sue pause, nei suoi accenni di battute che lasciava chiudere agli ascoltatori. Quel ronzio di voce in sottofondo, che è stato per tanti della nostra generazione, del nostro mestiere, della nostra passione per la politica, il tarlo di un dubbio, di un pensiero mancherà ai bambini di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Aprile 2019 - 14:02

    La testa pensante dei Radicali era giusto Massimo Bordin non Pannella sempre a mezzo tra il reale e il surreale.

    Report

    Rispondi

Servizi