cerca

Ten dead in Texas

Dieci persone sono morte in una sparatoria in un liceo di Santa Fe. Come fermare le stragi? In bocca al lupo, ragazzi

18 Maggio 2018 alle 20:11

Eight dead in Texas

Foto LaPresse

Pochi giorni prima che uno studente entrasse, oggi, in un liceo di Santa Fe per uccidere almeno dieci persone, tanto per aggiornare la contabilità della mattanza folle e infinita, Kaitlin Bennett, neolaureata, è entrata nel campus della Kent State Universyty nell’Ohio con un fucile da combattimento AR-10 a tracolla, l’arma delle mass shooting, si è fatta fotografare e per il bene del social ha twittato: “Ora che mi sono laureata alla @KentState, posso finalmente girare armata nel campus. Avrei dovuto poterlo fare da studente, soprattutto perché quattro studenti disarmati sono stati uccisi dal governo in questo campus. #CampusCarryNow”. E chissà se alla fine ha ragione la bionda e solare Kaitlin, o le migliaia di suoi coetanei che chiedono di fermare le stragi arginando le armi. Ma come tutti sanno, e come Alberto Flores D’Arcais ha ricordato, la Kent è l’università dove il 4 maggio 1970 la Guardia Nazionale sparò sugli studenti disarmati, ne rimasero quattro “on the ground”, i libri lo chiamano il Kent State Massacre. Quello per cui Neil Young scrisse Ohio. Lui stava a spassarsela da qualche parte, seppe la notizia e la scrisse in un quarto d’ora, “Tin soldiers and Nixon coming”. Mandò il nastro a un discografico, in due giorni era la hit nel circuito delle radio indipendenti. Nella versione elettrica, è uno dei riff di chitarra più taglienti della storia del rock, fece male a Nixon (quasi) quanto il Watergate. Ora c’è il Tubo e ci sono i social, c’è l’hashtag istantaneo #SantaFeHighSchool e ci sono i ragazzi del movimento #MarchForOurLives forse già un po’ apocrifo, ma che non hanno voglia di farsi ammazzare sull’asfalto. In bocca al lupo, ragazzi.

  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Maggio 2018 - 11:11

    L'America è l'America. Il rifugio dei perseguitati ,il paese dei sogni ,dei Padri Pellegrini ,della Frontiera del II Emendamento. Delle Americate si diceva negli anni '50. L'America è la mamma che per due volte è venuta in Europa a sculacciare i turbolenti europei e per paradosso gli europei che la amano o la odiono vogliono cambiarla.Ad cornutorum.

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    18 Maggio 2018 - 21:09

    Fermare le stragi e' molto difficile, ma certamente il lassismo o l'aperta opposizione a qualsiasi controllo e limitazione alla vendita di armi non aiuta e lascia una sensazione di esclusiva prevalenza degli interessi dell'industria delle armi sulla vita delle possibili vittime. Comunque qualcuno possiamo sempre ringraziare, la fantastica NRA (nazisti riuniti americani, suona bene no?)

    Report

    Rispondi

Servizi