Lista Pascale? Maddai

La fuffa dell'Espresso sui candidati di Berlusconi

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

Lista Pascale? Maddai

Francesca Pacale (foto LaPresse)

E’ un vero piacere, da lettori ignari e ingordi, riscoprire certi vezzi del fu giornalismo d’assalto. Ci fanno emozionare. Il Cav., ad esempio. Vive il momento che sappiamo, non si sa più chi mettere nella lista dei richiedenti scusa, s’è aggiunto pure Santoro. Comunque. Prima delle elezioni, un tempo si setacciavano le liste di Forza Italia per trovare il corrotto, l’odor di mafia, la foto in autoreggenti. Ma adesso che è diventato “fit”, che resta? Resta che arriva l’Espresso, online, e spara il titolone: “Forza Pascale: gli amici di Francesca candidati con Berlusconi”. Pascale? Ancora è in giro, ora che Lui si occupa di alta politica? Leggi, goloso. E niente. Una fila di nomi messi lì, ad alta improbabilità, e a nessuna rilevanza criminogena: “Rudy il farmacista, Armando Cesaro detto ’a Purpettina (è il figlio di Luigi, ’a purpetta: roba da filologi, ndr) lo steward Diego”. Tutti affratellati nella “corrente dei femminielli di Francesca” (ma “lo dicono le malelingue”, eh, non certo l’Espresso). L’impressione è che non ci sia altro da raschiare, nel barile. Manco più uno stalliere affiliato. Poi, giù verso il fondo della fuffa, si scopre che “in effetti, a incrociare nel partito le voci, due sembrano le candidature sicure”. Due. Sai che sforzo d’amore, non è manco più il tempo che comandava Dudù. Ma se due devono essere, quell’animalista del Cav. potrebbe candidare Zhong Zhong e Hua Hua, le scimmiette. E glielo mette in quel posto, all’Espresso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

Servizi