cerca

L’Italia con la regia di Virzì

Un paese di santi, mitomani, grillini e talk-show. Da Alberto Sordi a Checco Zalone passando per i maestri della commedia all’italiana: una chiacchierata con l’autore di “Ferie d’agosto”, che sa raccontare come pochi la capitale e la provincia, ricchi e poveri, borghesi e proletari

23 Dicembre 2019 alle 10:26

L’Italia con la regia di Virzì

Paolo Virzì (LaPresse)

È uno dei pochi che sa raccontare sia la capitale che la provincia, i ricchi e i poveri, i borghesi e i proletari, che sa fare film di successo commerciale e insieme impegno civile (senza che queste parole, “impegno civile”, spingano la mano alla pistola). Insomma, Paolo Virzì si muove nella tradizione della grande commedia all’italiana, quella che prendeva in giro gli spettatori paganti portandoli al cinema. Siamo qui nel suo ufficio a San Saba, bosco orizzontale romano, quasi di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi