cerca

Viva Risi, sorriso d'Italia

Uno spettacolare esame di coscienza collettivo senza grilli parlanti. Vita e opere del formidabile genio che con il cinema mise il paese sul lettino. Scorribande a quattro mani sulle strade del “Sorpasso”

23 Luglio 2018 alle 11:27

Viva Risi, sorriso d'Italia

Foto LaPresse

Siamo qui, il solito lombardo e il solito romano, che sfrecciamo in macchina dai Parioli all’Aurelia e ci lasciamo alle spalle la nostra amata Fiumicino per andare verso Civitavecchia e Grosseto e Castiglion della Pescaia, e poi e ancora su, fino a Calafuria, “a mangiare una zuppa di pesce da impazzire”. Perché Dino Risi ci ha lasciato un’estate di dieci anni fa e non c’è altro modo di ricordarlo, non c’è altro modo di raccontare l’intelligenza, la leggerezza, l’incontenibile mobilità...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi