cerca

La Pasqua, Notre-Dame e le altre chiese da salvare

Vandalismi, attacchi, trasformazioni. In Francia ma non solo. “Non possiamo abbandonare il nostro patrimonio cristiano”. A colloquio con Besançon, Scruton, Delsol e Millet dopo il rogo della cattedrale di Parigi

21 Aprile 2019 alle 06:01

Una Pasqua mutilata

foto LaPresse

Prima la basilica di Saint-Denis, dove sono sepolti i re di Francia. Poi la chiesa di Saint-Sulpice, il più importante luogo di culto cattolico di Parigi, dove sono stati battezzati il marchese de Sade e Baudelaire, dove un grande come Huysmans ha ambientato una parte del “L’abisso” e Delacroix ha dipinto la “Lotta di Giacobbe con l’angelo”. Infine, un altro tesoro della cultura giudeo-cristiana europea, la grande cattedrale di Notre-Dame.  

Nell'inferno di Notre Dame

Un incendio devasta la cattedrale di Parigi, teatro di una tragedia della coscienza individuale e collettiva, il posto elettivo dell’inviolabilità e della fragilità. Cronaca parigina di una nuova istantanea del terrore
  Nell’ultimo mese, delle tre principali...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulio Meotti

Giulio Meotti

Lavora al Foglio dal 2003. Si è laureato in Filosofia. Ha scritto per il Wall Street Journal. È autore di quattro libri su Israele, alcuni tradotti in più lingue. È sposato. Ha due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • eleonid

    21 Aprile 2019 - 09:09

    Ai francesi ma non solo. Preserviamo le chiese che ci hanno lasciato i nostri antenati. La nostra disumanità ci fa rinnegare le nostre origini, ma soprattutto la fede verso le"unico Dio dei nostri padri .Non lasciamo distruggere la nostra fede dal denaro e dal sesso.

    Report

    Rispondi

Servizi