cerca

Il Papa: "La famiglia è solo tra uomo e donna, l'aborto selettivo è nazismo"

Francesco riceve in udienza il Forum delle associazioni familiari e parla a braccio, perché il discorso preparato "mi sembra un po' freddo"

16 Giugno 2018 alle 17:21

Il Papa: "La famiglia è solo tra uomo e donna, l'aborto selettivo è nazismo"

Il Pontefice durante l'udienza con il Forum delle associazioni familiari (LaPresse)

Roma. “La famiglia a immagine di Dio è una sola, quella tra uomo e donna”, ha detto il Papa nel corso dell’udienza concessa questa mattina ai membri del Forum delle associazioni familiari. Francesco ha parlato a braccio perché il testo preparato, ha detto, “mi sembra un po’ freddo”. "Oggi – fa male dirlo – si parla di famiglie 'diversificate': diversi tipi di famiglia. Sì, è vero che la parola 'famiglia' è una parola analogica, perché si parla della 'famiglia' delle stelle, delle 'famiglie' degli alberi, delle 'famiglie' degli animali... è una parola analogica. Ma la famiglia umana come immagine di Dio, uomo e donna, è una sola. E' una sola. Può darsi che un uomo e una donna non siano credenti: ma se si amano e si uniscono in matrimonio, sono immagine e somiglianza di Dio, benché non credano".

 

Il Papa ha proposto una riflessione su varie tematiche – sull’infedeltà coniugale ha lodato “la pazienza dell’amore che aspetta” – denunciando poi la piaga degli aborti selettivi: “Ho sentito dire che è di moda, o almeno abituale, che quando nei primi mesi di gravidanza si fanno gli studi per vedere se il bambino non sta bene o viene con qualcosa, la prima offerta è: lo mandiamo via. L'omicidio dei bambini: per avere una vita tranquilla si fa fuori un innocente”. I figli, ha osservato, "sono il dono più grande. I figli che si accolgono come vengono, come Dio li manda, come Dio permette – anche se a volte sono malati".

 

Francesco ha ricordato un episodio della sua giovinezza: "Da ragazzo la maestra che insegnava storia ci diceva della rupe, per buttarli giù, per salvaguardare la purezza dei bambini. Un'atrocità, ma noi facciamo lo stesso”. Perché, ha detto, non si vedono nani per la strada? Perché il protocollo di tanti medici dice: viene male, mandiamolo via. Il secolo tutto il mondo si è scandalizzato per quello che facevano i nazisti. Oggi facciamo lo stesso ma con i guanti bianchi”.

 

* Articolo aggiornato alle ore 20.20

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    17 Giugno 2018 - 10:10

    Ma come? Antonio Spadaro su La Civiltà Cattolica di nemmeno un anno fa affermava che "Francesco intende spezzare il legame organico tra cultura, politica, istituzioni e chiesa" anche per escludere la sola "possibilità di influire nella sfera politica, parlamentare, giuridica ed educativa per sottoporre le norme pubbliche alla morale religiosa" (le citazioni sono testuali). Ha cambiato idea oppure è Spadaro che non aveva capito? Comunque un caloroso benvenuto a Papa Francesco tra noi "ecumenisti dell'odio".

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    16 Giugno 2018 - 19:07

    Ho conosciuto madri di figli con gravi malformazioni (non sarà politicamente corretta ma la parola ci sta) pesantemente provate nel corpo e nello spirito dalla durezza della loro condizione e morte prematuramente. Quelle esperienze hanno ulteriormente rafforzato il mio sostegno all'aborto. I paragoni con i nazisti sono francamente...vabbe' lasciamo stare.

    Report

    Rispondi

Servizi