La vita come vocazione

Quando Dio chiama, è l'uomo che sta accanto a te a chiamarti

Il nichilismo di tanto pensiero contemporaneo ha reso la realtà una cenerentola. E’ necessario “tornare alla cosa in sé”, restituire il primato al reale sul virtuale, all’esperienza elementare e integrale sull’ideologia

25 Febbraio 2018 alle 06:15

Quando Dio chiama, è l'uomo che sta accanto a te a chiamarti

Caravaggio, “Vocazione di san Matteo”, 1599-1600

Con questo articolo, il cardinale Angelo Scola, arcivescovo emerito di Milano, inizia la sua collaborazione con il Foglio     "L’individuo [è] una costruzione intellettuale recente e precaria. L’individuo è una sorta di Coriolano di Shakespeare, padrone del proprio destino, sceglitore di sé, artefice del proprio, separato, progetto di vita. L’etica contemporanea è fatta di regole, principi e ragioni essenzialmente impersonali…". La critica di MacIntyre formulata agli inizi degli anni 80 sfocia nella proposta di un’etica delle virtù che, riprendendo...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giuseppe.karic

    02 Marzo 2018 - 16:04

    Parole illuminanti e avvolgenti, quelle della prima parte dell' articolo. Grazie sig. Cardinale.

    Report

    Rispondi

Servizi