cerca

La questione rifiuti è fuori misura

Nelle parole del governo e della stampa sulla “Terra dei fuochi”, scene degne di un film del miglior Fellini

20 Novembre 2018 alle 06:00

La questione rifiuti è fuori misura

Sequestro aree rifiuti nella Terra Dei Fuochi (foto LaPresse)

La questione della “Terra dei fuochi”, e dello smaltimento dei rifiuti, ha ovviamente moltissimi aspetti controversi dal punto di vista medico, tecnico e sociale. Il contesto nel quale si confrontano le ipotesi di soluzione è però importante, forse decisivo.

  

Un indizio del problema si trovava ieri in un’agenzia Ansa delle 17.24 dove il titolo del take correggeva una parola pronunciata dal presidente del Consiglio. Il titolo faceva dire a Giuseppe Conte come il governo fosse molto sensibile alla tutela della salute. Nel testo Conte diceva che il suo governo è “iper sensibile al tema dei roghi tossici e della tutela della salute”. Un prefisso veniva modificato, da un redattore attento, in un avverbio. Un’inezia che non correggeva un errore, piuttosto mutava il senso della frase. Il vocabolario Zingarelli dà all’avverbio “molto” il significato di “in grandissima misura”. Superlativo eppure misurato. Il prefisso “iper” viene invece tradotto come “superiore al normale, eccessivo”. Fuori misura. Nel cambio di significato fra titolo e testo c’è il cuore del problema. Nell’aridità apparente del vocabolario la sua spiegazione.

 

L’esempio plastico sta in un altro lancio di agenzia dove si descrive l’incontro del presidente, contornato da una pletora di ministri, col parroco di Caivano. All’incontro, racconta l’agenzia Italia, era presente “anche Aurora, la bimba simbolo della “Terra dei fuochi” che la settimana scorsa ha fatto la prima comunione, presente il suo cantante preferito Gigi D’Alessio e officiante don Patriciello, “il parroco di frontiera” come è definito nel testo dell’agenzia che ci fa intravedere scene degne di un film del miglior Fellini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    20 Novembre 2018 - 11:11

    Continua lo spettacolo da circo di un governo itinerante che sposta la tenda per esibirsi in pista in ogni contrada. Stavolta e’ toccato alla contrada elettorale di un vice premier. Spettatori plaudenti e soprattutto votanti. Ha scritto con la consueta arguzia il Fondatore Giuliano Ferrara che pare trattarsi di sbornia collettiva. Si sa che le sbornie provocano euforia. E’ il risveglio che di solito genera mal di testa e depressione.

    Report

    Rispondi

  • manfredik

    20 Novembre 2018 - 08:08

    C'è poco da ridere...e chissà se ci resteranno gli occhi per piangere

    Report

    Rispondi

Servizi