cerca

Veneto Über Alles

Nel nord est chiedere il reddito di cittadinanza non sta bene. Sembra paradossale, ma a queste latitudini funziona così

13 Aprile 2019 alle 06:17

Veneto  Über Alles

Foto Imagoeconomica

Torno sulla controversa misura del reddito di cittadinanza, tanto caro ai grillini (un dubbio: ma si possono ancora chiamare così?) quanto indigesto al nord produttivo delle partite Iva. Negli ultimi giorni hanno attirato la mia attenzione due notizie in merito. Prima notizia: anche i rom prenderanno il reddito di cittadinanza. Circa un settimo dei rom vive nei campi, sono circa 5 mila, con la cittadinanza italiana. Sicuramente loro potranno usufruire del reddito di cittadinanza, dato che non si possono discriminare i cittadini su base etnica. Seconda notizia: il Veneto è all’ultimo posto tra le regioni per il numero di richieste di reddito di cittadinanza: solamente un terzo delle persone che ne hanno diritto ha presentato domanda. Perché? Scarsa informazione? No, il motivo è un altro: qui ci si vergogna a chiedere il sussidio. Perché poi in paese si viene a sapere, perché non sta bene. Non sta bene! Sembra paradossale, ma a queste latitudini funziona così. E allora? Che fare? Lo dice bene Luca Zaia, interprete autentico del sentire popolare: “Servono accortezza e buon senso. L’operazione può stare in piedi solo con la garanzia che si va ad aiutare chi ha bisogno per accompagnarlo al mercato del lavoro. Di canne per pescare ce ne sono abbastanza, ma io sento la preoccupazione di tanti pensionati e lavoratori che fanno presente di aver sempre versato contributi per avere poi una pensione più bassa del reddito di cittadinanza”. Un ravvedimento operoso del governo? Sperém. Stay tuned.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • daniele.velon

    14 Aprile 2019 - 22:10

    Caro Maroni (e caro Zaia), io da verissimo interprete del sentimento popolare vedo che la sua lega fa parte guarda caso di quel governo che il reddito di cittadinanza lo ha concesso e, guarda ancora caso, anche la quota 100, in base alla quale stanno andando in pensione miei amici di 57 anni, cioè nati nel 1962, che non hanno fatto certo lavori usuranti: stradini, maestri, commessi. Stay tuned.

    Report

    Rispondi

  • manfredik

    13 Aprile 2019 - 19:07

    Presidente, non esaltiamoci troppo (noi) Veneti. Purtroppo le pensioni baby alle insegnanti con 14 anni+6 mesi+1 giorno di servizio (e 2 figli) le ha date Mariano Rumor, di Vicenza. E il suo segretario sta seguendone le orme, concedendo quota 100 a spese delle partite IVA che pagano la gestione separata INPS e che vedranno (forse) molto meno del reddito di cittadinanza.Presidente è ora di fermarli, tutti e due, prima che sia troppo tardi.Contiamo su di lei e Zaia.

    Report

    Rispondi

  • valentinab

    13 Aprile 2019 - 12:12

    Il provvedimento non è attribuibile solo ai 5 stelle, ma all intero governo in cui la Lega fa la parte del leone. Quindi dobbiamo ringraziare anche la Lega se abbiamo il reddito di cittadinanza. E comunque non va bene, secondo lei, darlo ai rom italiani invece a chi non fa niente dalla mattina alla sera o lavora a nero va bene? Però vi piace sottolineare il discorso dei rom per aizzare la gente eh...

    Report

    Rispondi

Servizi