cerca

Omaggio a un grande maestro di vita, Gianfranco Miglio

Gli insegnamenti su federalismo e macroregioni

11 Gennaio 2019 alle 06:16

Omaggio a un grande maestro di vita, Gianfranco Miglio

Gianfranco Miglio (foto LaPresse)

Centouno anni fa, oggi, nasceva Gianfranco Miglio. Questi Barbari sono dedicati a lui e al suo pensiero, che ancora vive in noi. Federalismo: “La vocazione del nostro tempo per il federalismo si rivela come tendenza verso un modello di gran lunga più generale, contraddistinto dalla relatività dei vincoli politici sia per la quantità delle competenze sia per la durata nel tempo. “Contratti” a termine regolano la dimensione delle convivenze istituzionali – non solo territoriali – e il loro inserimento nelle strutture più ampie, egualmente volontarie, pattizie e temporanee”. Macroregioni: “Dal confine alpino al crinale dell’Appennino tosco-emiliano l’Italia transpadana e cispadana ha una sua specifica ragion d’essere, una sua fisionomia economica produttiva storica e perfino linguistica da richiedere, per il suo pieno sviluppo, anche a beneficio dell’intera nazione, una sua posizione esatta e spiccata in seno all’Italia che sta nascendo. L’unità d’Italia non potrà essere fatta che su altre basi. La Liguria, il Piemonte, la Lombardia, l’Emilia e le Tre Venezie, ossia tutta l’Italia settentrionale nel suo insieme costituisce un’armonica unità geografica, economica, etnica e spirituale, ben degna di governare se stessa”. Profezia: “I centralisti s’illudono se pensano che anche il federalismo diventerà come la ‘dittatura del proletariato’, perché il federalismo s’imporrà. Anche se la Lega dovesse scomparire. Anche se non ci fosse più chi vi sta parlando. Per forza delle cose”. Stay tuned.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • eleonid

    11 Gennaio 2019 - 20:08

    Finita l'epoca del valore politico che credeva nell'unità dell'Italia,sicuramente ,per ovvi motivi , si proporrà quello che Maroni chiama federalismo o l'Italia delle macro regioni. Fino ad oggi gli italiani ,seppure arabbattandosi in svariate formule politiche, sono riusciti a tenere unito questo paese , che non sembra, però, più riuscire a rimanere tale. Con l'invenzione della democrazia diretta questo processo disgregativo verrà ulteriormente accelerato , e quindi sarà giocoforza provvedere ad organizzare il paese in modo diverso e forse quella della federazione fra macro regioni appare un traguardo realistico, che probabilmente si rivelerà foriero di maggiori attriti e diseguaglianze socio-economico fra gli italiani con riflessi al momento non prevedibili.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    11 Gennaio 2019 - 13:01

    Giusto ieri ho ricordato Miglio . Un presentimento.

    Report

    Rispondi

  • emiliosisi

    11 Gennaio 2019 - 10:10

    Miglio è un pensatore apprezzabile, ma non comprendo in cosa sia un maestro di vita, almeno nell'articolo non è scritto.

    Report

    Rispondi

  • stearm

    11 Gennaio 2019 - 10:10

    Il mondo è cambiato, nella direzione opposta a quella che Miglio poteva immaginarsi. I grandi centri urbani stanno cannibalizzando le provincie, che dal canto loro reagiscono chiudendosi a riccio contro ogni cambiamento, non comprendendo che così facendo agiscono in direzione opposta alla logica del sistema. Vale per l'Italia, per l'Inghilterra, per gli Stati Uniti. Quando Miglio parlava di federalismo e macro-regioni, tutto questo era difficilmente immaginabile. Ma è proprio su questo, che l'intera esperienza della Lega è da considerarsi fallimentare, si basa su una visione che poteva essere accolta con favore negli anni Settanta, ma che era già anacronistica trent'anni fa, quando la Lega ebbe i primi successi elettorali. A parte Milano nessuna città del Nord supera il milione di abitanti. Escudendo Torino e Genova che rappresentano comunque dei centri urbani e Venezia che fa un pò storia a sè, le altre città sono tutte sotto i 250.000 abitanti e non attraggono nuovi abitanti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi