cerca

Il mistero di Emiliano candidato

Non si capisce come i dem possano candidarlo, visto che alle Europee il Pd pugliese, da lui guidato, ha preso meno voti (16,6) della media del partito nell’intera Italia meridionale (17,8)

26 Novembre 2019 alle 06:08

Il mistero di Emiliano candidato

Michele Emiliano (foto LaPresse)

Bisognerebbe andare al cuore del problema. E il cuore del problema non è che Michele Emiliano sarà ancora il candidato del Pd per la presidenza della regione Puglia. Quella è la conseguenza. Mentre il mistero resta. Candidato nonostante sia inviso a moltissimi del Pd? O nonostante il Pd pugliese, da lui guidato, alle Europee abbia preso meno voti (16,6) della media del partito nell’intera Italia meridionale (17,8)? Sì. Può capitare. Ma la domanda resta. E non serve rispondere che no, che non si può, che Emiliano è un magistrato mascherato da politico, o un politico mascherato da magistrato, o piuttosto, così facciamo ai mezzi, un grillino appena più furbo di Di Battista. Né che, da riformista, si sia spinto al punto di flirtare coi novax. O di sposare i notap, i notrip, i notav, i noilva, i nodiqualunque fava e perfino gli ulivi, mentre la xilella li divorava. No. Non si spiega così il mistero di Emiliano candidato. Cherchez la femme, raccomandano i delitti. E non sapremo mai, noi, cosa scriva Zingaretti al suo Michele nelle ricorrenze di San Valentino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Silvius

    31 Dicembre 2019 - 10:13

    Mistero impenetrabile come la sua testa. Mistero impenetrabile forse perché non c’è nessun mistero?

    Report

    Rispondi

Servizi