Detesto la Raggi, ma non farò mai come Travaglio

Che Dio si conceda di fulminarmi se dovessi applaudire quel giorno fatidico (che sta arrivando) 

16 Giugno 2018 alle 06:16

Detesto la Raggi,  ma non farò mai come Travaglio

Virginia Raggi (foto LaPresse)

Sempre tra le palle, questi magistrati. Posso dirlo? Cazzate. La Parnasi connection, letta sui giornali, mi sembra un cumulo di cazzate. Ciccia non se ne vede, io almeno non ne ho vista: questo ha mangiato con quello, quell’altro ha detto che il governo l’ha fatto lui, c’è perfino un poveretto che afferma di sentire Di Maio tre volte al giorno. Mah! Mi sbaglierò. Personalmente, a parte che mi fa sangue, la Raggi non la reggo: niente Olimpiadi, niente stadio, niente taglio dell’erba, niente sulle buche, niente pulizia, niente inceneritori, niente competenze, niente sulle partecipate, niente di niente. La sbianchetterei. Ma che Dio si conceda di fulminarmi se diventassi mai come Travaglio, o quasi come un Martina. Se dovessi applaudire quel giorno (che sta arrivando) in cui la toga, tra gli inchini dei velinari, comunicherà al paese: io, Davigo, incrimino la supposta innocente, Raggi Virginia, per non aver commesso un cazzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    21 Giugno 2018 - 09:09

    La Raggi ha fatto, cioè ha dato, cioè non ha dato un gran che più di niente. Almeno si atteggia, si mette di profilo, tre quarti e poco di fronte. Certo è, questo si, che Martina è la faccia del PD moribondo.

    Report

    Rispondi

  • odradek

    odradek

    16 Giugno 2018 - 13:01

    Detto che il pezzo, al solito, funziona come un meccanismo con chiusa perfetta, la Virginia fatto ha fatto, pare. E continua. Solo, son cazzate.

    Report

    Rispondi

  • lucafum

    16 Giugno 2018 - 09:09

    Ahinoi, mi sa di no: il Codice vede, prevede, e stravede, avendo già considerato in potenza tale eventualità: il secondo capoverso dell'articolo 43 definisce che il reato è colposo, o contro l'intenzione, quando l'evento, .. si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, Che, oggi come oggi, sono considerate virtù, un po' come lo erano fede, speranza e carità per la Chiesa cattolica: teologali..Ma Reato è!!

    Report

    Rispondi

Servizi