La risposta dei giornalisti a Grillo

Cosa avrebbero dovuto scrivere giornali, tivù e Ordine al leader del M5s che mangerebbe tutti i cronisti "per il solo gusto di vomitarli"

La risposta dei giornalisti a Grillo

Beppe Grillo lascia l'Hotel Forum (foto LaPresse)

Non che vada pazzo per la categoria. Solo, dopo l’uscita di Grillo, una qualche severità in più dai giornali, dalle tivù e dall’Ordine dei giornalisti me la sarei aspettata: “Afferma il signor Grillo che mangerebbe tutti i giornalisti per il solo gusto di vomitarli. L’eleganza non si conquista. Ricordi comunque, il signor Grillo, che egli avrà forse il diritto di mangiare vivi i giornalisti. Non di vomitarli. Egli non può, espellendoli da sé, arrogarsi la prerogativa di negare alla professionalità dei giornalisti, alla loro innata curiosità, alla loro passione per la notizia, il diritto di verificare, labili poi finché si vuole e funambolici quanto si creda, quali margini sussistano per continuargli il pompino dall’interno”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • manlionazzaro

    manlionazzaro

    22 Settembre 2017 - 06:06

    Grillo farebbe meglio a ritornare al suo vecchio mestiere: vendere piatti e saponi.

    Report

    Rispondi

  • manlionazzaro

    manlionazzaro

    22 Settembre 2017 - 06:06

    i giornalisti dovevano replicare dicendo al "cafone" Grillo: torna a vendere piatti e sapone!

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    21 Settembre 2017 - 10:10

    Caracalla elevò il suo cavallo a senatore ,un terzo degli italiani invece di chiedere il ricovero di Grillo in uno zoo lo ha elevato a capo partito.Ma Caracalla è stato un grande imperatore.

    Report

    Rispondi

Servizi