"Di Maio farebbe meglio a trovarsi un lavoro", dice uno dei suoi sfidanti

Vincenzo Cicchetti spiega le ragioni della sua candidatura alle "primarie farlocche" di M5s. E parla di "una corsa azzoppata finalizzata a far vincere il delfino designato"

19 Settembre 2017 alle 16:00

"Di Maio farebbe meglio a trovarsi un lavoro", dice uno dei suoi sfidanti

Vincenzo Cicchetti (Foto da Facebook)

A caldo, ha definito tutta la procedura “una sonora cazzata”. Poi, a distanza di qualche ora, sull'espressione ha provato a ritrattare, in parte, spiegando che non andava presa alla lettera. “Il giornalista a cui ho detto quella frase ha enfatizzato un po'”, si giustifica. E però sulla sostanza di quell'affermazione, Vincenzo Cicchetti, uno degli otto candidati alle primarie online del Movimento 5 stelle, resta assolutamente convinto: “Fatta in questo modo, l'elezione del premier è farlocca. Formalmente l'iter democratico viene rispettato. Ci si può iscrivere, si può partecipare, si può votare liberamente. Nei fatti, però, c'è chi parte a cinque metri dal traguardo e chi invece dieci chilometri più indietro”.

 

Parla in fretta, Cicchetti. Sessantadue anni, nato a Coriano, sui colli riminesi, e vissuto sempre tra Cattolica e Riccione, dove ha mosso i suoi primi passi in politica. Prima con l'Italia dei Valori, per nove mesi a cavallo tra il 2009 e il 2010, poi con il Movimento 5 stelle. Di cui è un attivista – “un attivista vero”, ci tiene a precisare – da ormai sette anni. Parla in fretta, Cicchetti, perché sono in tanti in queste ore a cercarlo, a chiamarlo, a scrivergli. “Sono assediato dai giornali”, dice. Ed è consapevole che tutto durerà pochissimo: “Domani tornerò nel dimenticatoio, lo so”. Ma intanto, si gode il suo quarto d'ora di celebrità. “Ne avrei fatto volentieri a meno, se devo esser sincero”.

 

Detta così, Cicchetti, sembra quasi che abbia fatto un sacrificio a candidarsi.
“Ma no, per carità. Direi più che altro come provocazione.”
I metodi scelti non le piacciono, dunque.
“Assolutamente no”.
Ma ci sarebbe stata la possibilità di agire diversamente? Di organizzare qualcosa di meno indecente?
“Direi proprio di sì. I temi c'erano e i mezzi anche. Avrei preferito delle selezioni aperte a personaggi fuori dal Movimento, con curriculum più pesanti. Come accadde, del resto, all'epoca della scelta del candidato per la Presidenza della Repubblica. E invece si è scelta una procedura che finirà per delegittimare la leadership di chi vincerà. E che, soprattutto, espone inevitabilmente il Movimento a qualsiasi critica. Così si dà consistenza anche ai dubbi peggiori...”
Che sarebbero?
“Quelli di chi parla di un accordo studiato a tavolino tra Casaleggio e i nostri parlamentari per far trionfare agevolmente Di Maio.”
E non è andata così?
“Io constato che ci si è chiusi in una gara azzoppata col solo scopo di far vincere il delfino designato. Sinceramente non credevo che saremmo stati in otto a concorrere. Mi sarei aspettato più candidati, e soprattutto mi sarei aspettato qualche parlamentare di peso. In ogni caso, sarà il futuro a dirci cosa è stato a spingerci al punto da ridurci a questo deserto di candidature.”
Sembra quasi un de profundis sul Movimento, il suo.
“Il Movimento può ancora cambiare, io sto operando per questo. Dopodiché è probabile che sia solo un tentativo illusorio, il mio. Ma a sessant'anni passati, conviene tentare”.
E non teme che queste dichiarazioni possano costarle caro? In passato, chi si è lamentato sulla scarsa democrazia del Movimento è stato espulso. Cosa le dice che non accada anche a lei?
“Espulso, io? Al massimo può espellermi il mio socio, con cui gestisco un'azienda di software. E' grazie alla Fornero che sono ancora in pista, visto che mi ha spostato la pensione a 67 anni. Altrimenti sarei ormai prossimo a passare le giornate alla bocciofila col quartino di rosso.”
Di Maio invece potrebbe doverle passare a Palazzo Chigi. Cosa ne pensa, di lui?
“Che è mediaticamente molto abile.”
Il che non basta per essere un buon premier, però. Non trova?
“Se lo avessi ritenuto in grado di guidare un governo, lo avrei votato e non mi sarei deciso a sfidarlo. Più che altro, io gli consiglierei di dimettersi e di trovarsi un lavoro serio. Impegnarsi in quello per una decina d'anni, e poi semmai ricandidarsi. Qualcosa nella tua vita devi pur combinarlo, prima di aspirare a migliorare quella degli altri.”
Dunque in fondo concorda con Silvio Berlusconi: chi non ha compilato una dichiarazione dei redditi, non può pensare di governare un paese.
“Francamente non pensavo che nella mia vita sarei mai arrivato a dover dare ragione a Berlusconi. Però, in questo caso, sarebbe difficile contraddirlo.”
Prima di iniziare la sua attività coi Cinque stelle, ha militato nove mesi tra le fila dell'Idv.
“E sono bastati a farmi vedere il marcio della politica.”
Bene. E dopo sette anni di impegno nel Movimento, pensa che questo sia davvero diverso dai partiti tradizionali che vuole annientare?
“Le idee alla base sono diverse, certo. Ma l'organizzazione no. E l'organizzazione sta facendo morire le idee.”
La sua candidatura è stata accettata nonostante lei abbia partecipato alle elezioni con l'Idv nel 2009 e nel 2010. Eppure questo è vietato dal regolamento. Come se lo spiega?
“Ma nel 2009 sostenni con l'Idv il candidato di Cattolica per il quale anche Grillo fece un comizio. Dunque il problema non esiste.”
A dire il vero nel 2009 lei si candidò anche a Riccione, con l'Idv. E poi nel 2010, sempre con l'Idv, partecipò alle regionali dell'Emilia-Romagna a sostegno di Vasco Errani, del Pd.
“Ma davvero? Boh, può darsi. Non ricordo. Comunque la mia candidatura è stata accettata.”
Certo. E a tal proposito, in bocca al lupo.
“Bah, per quel che vale. Se prendo due voti, io mi ritegno soddisfatto.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi