Le primarie grilline: Di Maio, in peggio

La democrazia diretta non esiste, esiste al massimo la democrazia diretta da un blog

19 Settembre 2017 alle 06:06

Le primarie grilline: Di Maio, in peggio

Luigi Di Maio ospite di "In mezz'ora"

Al direttore - Un solo candidato alle primarie grilline. Anzi no, sono due: c’è anche Roberto Saviano. Di Maio, in peggio.

Giorgio Martini

  

La carnevalata delle primarie grilline è la sintesi di un bluff che in tanti non vogliono vedere: la democrazia diretta non esiste, esiste al massimo la democrazia diretta da un blog. Il Financial Times, ieri, ha descritto le contraddizioni grilline, interrogandosi sul ruolo di Davide Casaleggio e mettendo in rilievo la scarsa trasparenza del Movimento 5 stelle. Tutto giusto ma ci permettiamo di segnalare un piccolo problema che ancora sfugge agli osservatori stranieri: il problema del Movimento 5 stelle non è il suo essere poco trasparente, il problema del M5s è quello che rappresenta il M5s, e il suo essere ogni giorno, sempre di più, il simbolo di tutto ciò che si trova distante dalla parola democrazia. Leggete Violante sul Foglio di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi