cerca

Pomp and circumstance senza bacon a colazione

I  festeggiamenti apocalittici dei ragazzini di tutto il mondo per la salvezza del pianeta hanno un retrogusto amaro. Anche la nuova posizione dell’Economist sul climate change aiuta a evitare il ridicolo

22 Settembre 2019 alle 06:21

Pomp and circumstance senza bacon a colazione

Piovere sulla parata non è mai gradevole, ma la critica programmaticamente gradevole o ruffiana è ancora peggio. L’educazione civica insegnata a scuola era una chiazza di noia pura, ma integrata da orientamenti civici familiari manteneva un sapore laico di incitamento alla convivenza ordinata e alla responsabilità individuale nelle scelte collettive. I festeggiamenti apocalittici dei ragazzini di tutto il mondo per la salvezza del pianeta hanno un retrogusto diverso, decisamente. Sanno di oculata e obliqua regia adulta, e fin qui passi, ma emanano un sentimento di irregimentazione e di indottrinamento incompatibile con un’educazione liberale, diffondono un’aura di religiosità palloccolosa e anche troppo sincera, con la sostituzione a un Dio dogmatico (e poi a un Dio personale e di coscienza) di una divinità comunitaria e umanitaria che ha qualcosa dell’evento celebrativo esornativo, pompa e circostanze.

  

L’Economist di Londra fu climaticamente scettico, se non negazionista, e ora ha cambiato posizione ma senza rinunciare alla considerazione razionale e empirica delle cose. In un fascicolo largamente dedicato al climate change ci avverte che il pianeta Terra è abbastanza solido per durare e inserito, aggiungerei, in un Creato abbastanza grande per badare a sé stesso. Il cambiamento climatico non è la posta di una battaglia per la salvezza del nostro universo di riferimento. Le minacce antropogeniche alla stabilità terrestre e umana, aggiungerei, sono altre, affondano semmai nella nostra capacità di modificare la genetica, nella nostra superbia faustiana di cui le belle menti dell’Accademia dello small talk e della small science non osano mai occuparsi con una qualche distinzione etica tra quel che si può tecnicamente fare e quel che è sconsigliabile fare (ma su questo i ragazzi restano per lo più all’oscuro delle alternative responsabili al delirio scientista e tecnico). Vero che il grande foglio liberale non considera il climate change come una questione ambientale tra le altre, ragiona su grafici termici allarmanti, prevede una complessa e necessaria azione multilaterale di decenni, partendo da subito, da ieri, per un rimedio che non è la decrescita o il veganismo letterario titillato da Mariarosa Mancuso qui, sabato, con la sua sapienza scettica, ma un capitalismo riformatore e tecnologico. Non è materia per parate e per eventi generazionali con ricchi premi e cotillons, è materiale di stato e di élite.

  

Alla radice di tutto deve restare, anche se sento già la lezioncina che molti benpensanti mi impartiranno sulla differenza tra clima e meteorologia, un sentimento realista della cosa. C’è una differenza tra il mio mondo e il mio ombelico. Se dico che non mi era mai capitato, tra un’isola greca del Dodecaneso e un quartiere di Roma, di percepire con tanta nettezza, nel giro di una settimana intorno all’equinozio d’autunno, la perfetta variazione di temperatura che divide la stagione calda da quella fresca, bè, niente di scientifico o statistico o previsionale, ma non è un’affermazione ridicola. Se dico che dovete rinunciare al bacon a colazione o trasferirvi in barca con un Casiraghi a New York, invece di prendere un aereo, bè, la scienza sia con voi, ma entrambe le affermazioni sono ridicole.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    23 Settembre 2019 - 13:41

    Il gretinismo se continuerà ad avere l'attuale consenso , entrerà a fare parte della cultura universale e irrimediabilmente dovrà essere studiato più che dai sociologi dai filosofi e entrerà di forza nella evoluzione del pensiero e dunque tale modo rozzo di pensare diverrà filosofia.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    22 Settembre 2019 - 19:34

    Ben tornato. No, ben trovato. Analisi centrata, precisa. Opportuno evidenziare l'evanescenza delle mode collettive, irreggimentazione in un mondo che vive d'effimero, la bulimia frou frou senza ritegno di scandali, di fake, di sputtanamenti a gogò, di nemici da uccidere, di galera giustizialista. Le élite hanno sempre cercato di fare proseliti. Tecnologia complice, i ragazzini di oggi prevalentemente cresciuti in contesti scolastici politicizzati, dove il merito è ritenuto discriminazione razzista e in consessi familiari unfit, sono facile preda e bocconcini appetitosi. Greta che pontifica all'Onu, dà la misura della vulnerabilità delle giovani menti e della mole di interessi materiali che la sostengono. L'ambientalismo: o sarà impegno mondiale determinato, continuo e condiviso o sarà l'ennesima fregatura data in pasto a menti deboli. Un mondo bucolico: il massimo del rispetto per l'ambiente, per quello che comporterebbe, non lo vuole nessuno.

    Report

    Rispondi

  • ceva.paola

    22 Settembre 2019 - 16:50

    Il "mondo salvato dai ragazzini"? anche no, grazie. La fulminea e globale contaminazione del gretismo impadronitosi delle masse minorenni, fa pensare con inquietudine a quei film anni ' 60 dove nascevano generazioni di fanciulli tutti belli, tutti perfetti e intelligentissimi, dallo sguardo un po' fisso, che erano frutto di un'inseminazione aliena extraterrestre.

    Report

    Rispondi

  • luiga

    22 Settembre 2019 - 15:49

    e certo che c'è una occulta e adulta regia e ciò è indisponente, sa di presa per i fondelli per gli aduli e per i giovani che se delusi ancora una volta.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi