cerca

Quant’è bello un Ferragosto allegro e affollato di pupi, Martini e chiacchiere

Riflessioni su un articolo di Sartori, che  nel 1997 aveva descritto il sovraffollamento del pianeta come lo si vede nelle spiagge di Ferragosto

14 Agosto 2018 alle 06:22

Quant’è bello un Ferragosto allegro e affollato di pupi, Martini e chiacchiere

Foto Pixabay

Se fosse qui, quel vecchio amabile e squillante di intelligenza, gli direi che i figli bisogna farli, quando vengono, non a un turno, non a due turni, ma addirittura a tre turni, se almeno si vogliano salvare la repubblica demografica e la specie umana, problema degli esausti europei e a quanto pare anche dei già formicolanti cinesi. Giovanni Sartori, che da un anno non ci assiste più con la sua delizia di provocateur, nel 1997 aveva scritto, e il Corrierone ha ripubblicato ieri, un articolo delizioso sul sovraffollamento del pianeta come lo si vede nelle spiagge di Ferragosto e giorni circonvicini, e aveva fatto appello a Santa Finìmola per mettere un argine al carnaio che, in immagine ficcante, gli impediva di godere il mare non dico in solitudine ma certo senza il fastidio della quintupla fila di ombrelloni, di pupi, di babbi e mamme, di zie e zii e nonni con contorno di secchielli, palette, gridolini, sciacquettii intrusivi della pax natandi, file automobilistiche interminabili per raggiungere agognate località, musica a palla e – oggi si aggiunge puntuale – il sonoro di una marea di penose e disutili conversazioni via cellulare da bagnasciuga o battigia, tra le quali le mie.

 

Per oltre vent’anni, coincidenti con il periodo che ci separa da quell’articolo, ho cercato Lotofagi, Feaci, Ciclopi in una piccolissima Odissea in barchetta, sbarcando su spiagge solitarie nel Mediterraneo, dondolandomi con la ristretta cerchia dei miei cari, improvvisatasi equipaggio, in baiette tranquille e navigazioni di piccolo cabotaggio ma sempre al largo della folla, niente ingorghi, niente bambini, solo cani. Ero sartoriano senza saperlo, malgrado ogni dissenso politologico. Di quel camper omerico non rinnego nulla, inesprimibili bellurie mi si sono schiuse e le ricordo tutte, a una a una, come gli esotici capi e le isole ai quali mi sono allineato. Questa estate ho riscoperto ombrelloni, terrazze organizzate, ristoranti di mare, cicaleccio di famiglie, una discreta quantità di pupi e di pupi parecchio invecchiati, come me, in una località tirrenica a un’ora e mezzo da Roma. Gestione commerciale misurata e elegante, nessun sovraffollamento, e alla mattina presto poi, come mi accadde lo scorso settembre in San Marco, Venezia, il brivido della solitudine addirittura, una specie di controra della felicità appena socializzata, ridente e chiacchierina in virtù di antiche amicizie e altre amabilità, in attesa di un Martini a mezzogiorno, uno solo tranne eccezioni, prima del pasto e del successivo rientro nel buen retiro. Nel mio agosto italiano e famigliare il dolce rumore dei porti greci e turchi è solo una eco lontana. Leggendo Sartori ho visto che aveva ragione, siamo sei miliardi e più ormai, compreso il torso nudo del Truce (anzi, mi dicono “coloro che si occupano di numeri”, formula ultrasnob impiegata dal Patriarca Bartolomeo in una intervista al Foglio, che ad aprile eravamo 7 miliardi e seicento milioni di quasi umani). I vecchioni sono quasi tutti all’appuntamento, perché c’è il welfare nonostante tutto, i miei coetanei sono nonni amorevoli e devoti, forse cristiani anonimi come diceva il teologo Rahner, il pupo italiano scalpita e rumoreggia senza esagerare, niente a confronto con la quantità di pargoletti sulla spiaggia di Sidi Bou Said, ma verranno anche loro e si batteranno a torso nudo con Salvini.

 

E’ molto complicato, ma sopportabile, questo abusivismo generalizzato. L’acqua dolce che “già manca”, Sartori scripsit, fluisce ancora e se ne spreca parecchia, e comunque ci si può dissetare col Martini. Alla memoria di quel grande continuo a inchinarmi, i relativisti intelligenti e i pensatori logici della contraddizione hanno progenitori seri, altro che 1 e 2, ma da assolutista, leggendolo, mi sono detto che se in spiaggia fossimo il doppio si starebbe scomodi, sì, non lo nego, ma la soluzione contraccettiva e eutanasica, tentazione inevitabile delle persone intelligenti, ha un timbro di finale di partita che non si combina bene con un Ferragosto allegro e affollato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lucafum

    15 Agosto 2018 - 00:12

    La denatalità è un evento storicamente nuovo e rilevante. In prospettiva lunga, è vero che l'umanità non è mai stata così numerosa, ma è anche vero che -sino ad un secolo fa- gli sfoltimenti acuti più importanti del numero di umani sono stati fatti da malattie e dalle maggiori epidemie di cui si raccoglie memoria, che in pochi mesi causarono il collasso di intere società e culture, modificando la storia. La denatalià avrebbe un effetto tipo "spagnola" -mancando i giovani- gravata socialmente dalla persistenza di popolazione anziana, senza però il corollario tragico di perdita e morte. Forse così mancano all'inconscio collettivo stimoli intensi quali il senso di tragedia, di labilità della vita ed il sollievo della fine pestilenza, ma la denatalità potrebbe anche essere una forma di saggezza inconscia, visto che sinora la natura ci ha decimati a fame, virus e batteri -da cui abbiamo appena iniziato a difenderci. Prendere coscienza del problema e prepararsi sarebbe ancora più saggio.

    Report

    Rispondi

  • paolo.tamponi

    14 Agosto 2018 - 10:10

    Bellissimo.

    Report

    Rispondi

Servizi