cerca

Perché il nuovo contratto della scuola uccide il merito

Arrivano aumenti contributivi ma buona parte dei bonus sarà contrattata coi sindacati in ogni istituzione scolastica. Un accordo da sbandierare in tempi di campagna elettorale

9 Febbraio 2018 alle 14:58

La prova di greco con il pc che non legge il greco

Il contratto per il settore scolastico, che riguarda circa 1 milione e 200 mila dipendenti, è uno dei più importanti, non solo nell’area del pubblico impiego. E’ stato firmato con le sigle sindacali confederali, non con quelle autonome, il che fa prevedere una coda di agitazioni. Gli aumenti retributivi sono più o meno in linea con quelli ottenuti negli altri settori, mentre la soluzione delle questioni normative è stata, almeno in parte, rinviata.

 

Il punto più discutibile riguarda il bonus per merito, che non sarà più distribuito dai dirigenti scolastici ma confluirà, per il 60 per cento, negli aumenti di stipendio e per la parte restante verrà contrattato con i sindacati in ogni istituzione scolastica. Si tratta di un cedimento di principio preoccupante. Anche se è vero che il merito di una attività di insegnamento non può essere misurato come avviene per la produttività, assegnare un riconoscimento anche retributivo al maggiore impegno era un punto rilevante della riforma della scuola, in contrasto con l’accoppiata tra facilismo ed egualitarismo che l’ha dominata e devastata negli ultimi decenni. Con questo contratto, di fatto, viene cancellato, si torna alla pura anzianità con qualche correttivo che deve però passare al vaglio dei sindacati all’interno degli istituti. Chiudere un contratto dopo 12 anni di latenza è certo positivo, ma farlo con un così evidente cedimento su temi cardinali nello sforzo per il rinnovamento dell’istruzione inquina pesantemente il valore dell’intesa, che forse si è voluto raggiungere in tempo per sbandierarla nella campagna elettorale anche a costo di un arretramento significativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    10 Febbraio 2018 - 10:10

    Governo riformista? Lasciamo perdere, per decenza. Siamo al peggio del peggio, per quello che riguarda il futuro. E le responsabilità politiche hanno nome e cognome. La beffa poi di adottare misure antiriformiste a caccia di voti che poi non arrivano...

    Report

    Rispondi

  • Chichibio

    09 Febbraio 2018 - 19:07

    Ma i sindacati sono imparzialmente in grado di decidere aumenti di merito anche ai non iscritti?

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    09 Febbraio 2018 - 15:03

    Perchè all'apice della "Squola" si scrive squola. E"noi" che siamo fedeli nella Scuola scriviamo, come sempre, Squola.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    09 Febbraio 2018 - 15:03

    Facile prevedere qualche ulteriore generazione di grillini rigorosamente ignari dell'esistenza del congiuntivo.

    Report

    Rispondi

Servizi