cerca

La scienza non è un’arte, troppo spesso l’Università legittima le pseudoscienze

Perché fioriscono nelle università master indirizzati ai medici e ai farmacisti, con tanto di crediti formativi universitari, in cui si insegnano materie che pudicamente si fanno rientrare nella “medicina complementare o integrativa”?

11 Novembre 2018 alle 06:12

La scienza non è un’arte, troppo spesso l’Università legittima le pseudoscienze

Foto Imagoeconomica

L’articolo 33 della Costituzione garantisce la più ampia libertà per le materie che si vogliano insegnare e apprendere nelle nostre scuole e nelle nostre università, senza nessun limite. Tuttavia, la Costituzione – così come in generale la nostra giurisdizione – non ha il compito di definire, in senso lato, cosa sia da insegnare come scienza (o come arte) e cosa no. D’altra parte, la comunità scientifica dovrebbe ben essere in grado di differenziare una disciplina scientifica da una materia senza fondamenti scientifici; per cui ci si stupirebbe se in Università si insegnasse, poniamo, la cabala come metodo predittivo per valutare la stabilità di un progetto in Ingegneria civile, oppure se l’astrologia fosse materia di insegnamento inserita nel curriculum di chi dovrà da professionista fare previsioni sull’andamento del mercato. Ci si stupirebbe non perché cabala o astrologia non possano essere insegnate, visto che un simile divieto negherebbe la nostra Costituzione, ma perché ci si aspetta che materie simili possano al più trovar posto in un percorso di studi storico culturali, non certo fra gli strumenti predittivi di un ingegnere o un economista.

 

Eppure, in Italia, nel 2018, sembra che non sia così. Fioriscono infatti nelle università master indirizzati ai medici e ai farmacisti, con tanto di crediti formativi universitari, in cui si insegnano materie che pudicamente si fanno rientrare nella cosiddetta “medicina complementare o integrativa”. Fra queste materie, un posto di primo piano occupa proprio quell’omeopatia che recentemente è stata espulsa persino nella patria di Boiron – presso l’Università di Lille – dai dipartimenti di medicina. Invece che confinare l’omeopatia nel posto che le compete, le nostre università sembrano fare a gara nel presentare come se fosse scienza medica una materia che non è affatto complementare, ma totalmente contraria alla medicina scientifica moderna. Difatti, le pretese teoriche dell’omeopatia – che l’attività di un composto aumenti con la sua diluizione e sia presente anche a diluizioni in cui non vi è più principio attivo, che la succussione sia importante per l’attività di un farmaco e che vi sia un principio di validità generale per cui il simile cura il simile – sono non solamente indimostrate, ma falsificate dalla scienza moderna, che giunge su solidissima base sperimentale a conclusioni opposte. La teoria alla base dell’omeopatia è quindi non solo senza prove, ma proprio incompatibile con la scienza moderna perché se in ipotesi si volesse accettarla, sarebbe necessario costruire un sistema scientifico completamente alternativo, non contraddittorio e soprattutto capace di fare previsioni più affidabili del sistema attuale. Questo perché, vista la elevata coerenza interna del moderno edificio scientifico, contraddire per esempio il principio che un farmaco non può essere diluito oltre una certa soglia, presuppone di contraddire a catena tutta la conoscenza scientifica (visto che fantasie apparentemente compatibili come la memoria dell’acqua sono già state rigettate).

 

Eppure nelle università fioriscono corsi pseudoscientifici: a Siena, per esempio, c’è un master universitario in “Omeopatia e sua applicazione in medicina integrata”; a Perugia gli studenti del corso di laurea magistrale in farmacia possono frequentare un corso in “Medicine alternative”; a Milano l’Università Bicocca accoglie un master in “Sistemi sanitari, medicine tradizionali e non convenzionali” sponsorizzato dal produttore di rimedi omeopatici Guna. Altre pseudoscienze come l’agopuntura tradizionale cinese sono oggetto di corsi universitari in dipartimenti di medicina: presso l’università di Brescia esiste un corso di perfezionamento in “agopuntura e tecniche correlate”, in cui sono oggetto di studio per i medici cose come il “Tao-Yin-Yang”, le “Sostanze vitali: Energie”, la “Teoria dei 5 Movimenti”, la “Fisiologia del Qi, del Sangue (Xue) e dei liquidi organici (Jinye)” oppure la “Circolazione energetica”.

 

L’elenco potrebbe continuare a lungo. Ma perché insegnare sistemi alternativi incompatibili con la scienza moderna? Perché si insiste nel voler giustificare pratiche mediche antiscientifiche in master a pagamento con il logo delle università, partecipando al “mercato della pseudoscienza”?

 


 

Enrico Bucci, SHRO, Temple University-Philadelphia

Enrico Bucci

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • antonio pirisi

    11 Novembre 2018 - 12:12

    L'essere umano è un sistema complesso, aperto a una molteplicità di letture e interpretazioni sia riguardo a ciò che lo danneggia sia riguardo a ciò che può favorirne il ritorno a uno stato termodinamico lontano dall'equilibrio. Volere giudicare la bontà di un orientamento terapeutico mirante a questo obiettivo sulla mera scorta del credo scientifico di una medicina che, tanto per fare un esempio, classifica come illusori epifenomeni senza alcuna reale ricaduta sulla nostra salute, le relazioni che intercorrono tra mente e corpo, vale, mi pare, solo come un utile richiamo per tutti noi a non dimenticare che l'autoreferenzialità è la madre di tutti i fanatismi. Antonio Pirisi

    Report

    Rispondi

Servizi