cerca

I conti non tornano in Vaticano

Barbagallo da Bankitalia alla Vigilanza vaticana. Il Papa annuncia la svolta, ma non tutto quadra

28 Novembre 2019 alle 12:24

I conti non tornano in Vaticano

Papa Francesco (foto LaPresse)

Dopo la confusa conferenza stampa aerea del Papa – la parte più “complicata” è stata quella su Hong Kong, il Foglio ne ha dato conto ieri in un editoriale a pagina tre – Francesco ha ufficializzato la tanto attesa nomina del nuovo presidente dell’Autorità di informazione finanziaria dopo l’addio di René Brülhart – era stato detto che il suo mandato era giunto a termine, Brülhart ha subito dichiarato alla Reuters che non c’era alcun “termine” per l’incarico e che comunque è stato lui a dimettersi. Il prescelto è Carmelo Barbagallo (non quello della Uil), che fino a oggi ricopriva l’incarico di alta consulenza al Direttorio della Banca d’Italia in materia di vigilanza bancaria e finanziaria e nei rapporti con il Single Supervisory Mechanism. Una scelta indubbiamente d’alto profilo, che avrà anche l’obiettivo di pacificare le tensioni – che non sono mancate – con l’altra sponda del Tevere. Insieme a Giuseppe Pignatone messo a capo del Tribunale vaticano, Francesco spera così di abbattere i corvi che svolazzano minacciosi sul Cupolone, mettendo a tacere i seminatori di zizzania e i colpevoli di reati che ben poco hanno a che fare con la carità cristiana. Lo scandalo “scoperchiato da dentro” (come ha detto il Pontefice) potrà così essere se non altro contenuto per quanto possibile. C’è solo un particolare che andrebbe approfondito: il Papa, sempre conversando con i giornalisti, ha detto di avere autorizzato personalmente le perquisizioni d’inizio ottobre negli uffici vaticani. Perquisizioni non da tutti gradite, oltretevere. Ma allora perché le dimissioni del comandante Giani – che ha condotto l’operazione – sono state accettate con la velocità d’un battito di ciglia? Mistero. 

 

Il Papa molla Hong Kong: “Non so valutare”

Francesco invita a “relativizzare le cose”. Il sogno? “Andare a Pechino”

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi