cerca

Le culture superiori esistono eccome

Superiorità significa responsabilità, impegno, senso del dovere

11 Aprile 2018 alle 06:00

Le culture superiori esistono eccome

"Mercado de esclavos con aparición del busto invisible de Voltaire", opera di Salvador Felipe Jacinto Dalí i Domènech, 1940

Non esistono razze superiori perché le razze non esistono (se non in zootecnia e in pornografia), esistono eccome le culture superiori. Lo ribadisce un mio conoscente turco, un commerciante appena trasferitosi da un quartiere africano a un quartiere italiano di Parma. “Finalmente ho clienti parmigiani!” mi dice raggiante. La sua felicità non discende dall’avere adesso avventori di reddito superiore (col suo basso scontrino medio il reddito della clientela conta poco). Bensì dall’avere adesso avventori di educazione superiore. Appartenenti dunque a una cultura superiore. Il mio conoscente turco, straniero ma non troppo, straniero ma non di quelli venuti in Italia per parassitare gli autoctoni, da quando lavora in centro è più tranquillo. Qui circola gente ancora relativamente superiore, sebbene sempre meno consapevole di esserlo. Tale consapevolezza sia recuperata, per tre ragioni: 1) come scrisse Milosz “nulla può essere realizzato senza la convinzione della propria superiorità”; 2) superiorità significa responsabilità, impegno, senso del dovere; 3) il mio conoscente turco alla nostra superiorità ci tiene, vediamo di non deluderlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carletto48

    11 Aprile 2018 - 19:07

    Ma così mi fa piangere la Boldrina.

    Report

    Rispondi

Servizi