cerca

Ennesima lezione di diritto al Truce

I giudici spiegano perché Rackete non andava arrestata. Appunti per Salvini

20 Febbraio 2020 alle 20:38

Contro il garantismo a 180 gradi

Carola Rackete (foto LaPresse)

I naufraghi salvati in mare devono essere condotti in un porto sicuro “perché l’obbligo di prestare soccorso non si esaurisce nell’atto di sottrarre i naufraghi al pericolo di perdersi in mare ma comporta l’obbligo accessorio e conseguente di sbarcarli in un luogo sicuro”. E’ per questa ragione che la capitana della nave umanitaria Sea Watch 3, Carola Rackete, il nemico numero uno di Matteo Salvini, non andava arrestata come invece chiedeva la procura di Agrigento. E dire che il ricorso...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • letibaldi

    23 Febbraio 2020 - 03:24

    Concordo con quanto sostenuto dal Sig.Giuseppe Zavaroni il 21 febbraio, anche se ignoro chi siano "Signorini e la Giacobini". Io ritengo possibile che ci sia malafede da parte dell' UNHCR nei confronti dell'Italia, anche se non riesco ad immaginare per quale motivo ci possa essere questa malafede. Chi ci assicura che coloro che vengono fatti sbarcare in Italia come naufraghi siano veramente tali? Chi li riconosce come naufraghi? A me sembra di scorgere una persistente mancanza di trasparenza nello svolgersi e nel succedersi dei viaggi di migranti dalla costa africana verso l'Italia. A me sembra che la frequente presenza di minori non accompagnati fra i migranti sia dovuta alla certezza che i loro genitori nutrono su come quei minori verranno accolti e trattati in Italia, certezza che induce quei genitori a farsi precedere dai figli, e a mio giudizio ciò vale anche per le donne incinte. A quando la disponibilità di dati statistici affidabili per noi cittadini? Maria Letizia Baldi

    Report

    Rispondi

  • Chichibio

    21 Febbraio 2020 - 10:51

    Ma uno Stato, uno Stato vero dico, emette leggi con l'opzione implicita di adempierle oppure no? (Questo detto senza alcuna simpatia per il personaggio Salvini).

    Report

    Rispondi

  • giuseppezavaroni

    21 Febbraio 2020 - 08:41

    Chiunque giudichi le tristi vicende di quei mesi con obiettività e raziocinio, conclude inevitabilmente che le ONG hanno condotto con ricchezza di mezzi e spregiudicatezza una guerra contro Salvini usando i naufraghi come scudi umani. Un comandante, che veramente si proccupi per la sorte dei suoi ospiti, di fronte a un fermo rifiuto italiano si rivolge allo stato più vicino che gli dia disponibilità e non tiene per giorni i passeggeri in ostaggio per imporre all'Italia riluttante l'ingresso approfittando del favoreggiamento della grande stampa, dei magistrati moralisti e delle altre quinte colonne italiane ed europee; né forza un blocco navale militare mettendo a rischio le vite dei passeggeri e dei militari. Se anche il Foglio cerca la verità nei provvedimenti giudiziari, viva Signorini e la Giacobini.

    Report

    Rispondi

  • Cacciapuoti

    21 Febbraio 2020 - 04:45

    è una sentenza politica... che rivela solo l'invadenza totale della magistratura in tutto. è la negazione della divisione dei poteri fondata da Montesquieu

    Report

    Rispondi

    • AlessandroT

      21 Febbraio 2020 - 07:58

      Io credo che la sua idea di separazione dei poteri è che a Salvini si diano i pieni poteri, e tutto il resto dello Stato quello che rimane, cioè niente.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi