cerca

Tagliare i parlamentari? Renzi si sbaglia

Una riforma populista sempre (osteggiata dal Pd) e che favorisce solo Salvini

12 Agosto 2019 alle 19:01

Tagliare i parlamentari? Renzi si sbaglia

Matteo Renzi (foto LaPresse)

La proposta sostenuta da Matteo Renzi di un governo appoggiato dai Cinque stelle e dal Pd ha come asse l’intesa sulla legge di riforma costituzionale che riduce di quasi il 40 per cento il numero dei parlamentari. Si tratta di una proposta che nasce nel clima anticasta e antiparlamentare agitato dal M5s contro la quale, va ricordato, il Pd e le formazioni minori di sinistra si erano opposte perché in quel modo sarebbero state strozzate le potenzialità di una rappresentanza piena anche delle formazioni minoritarie. A questo argomento del tutto fondato e di carattere istituzionale se ne può aggiungere ora un altro, di carattere più politico. Una rappresentanza più ristretta favorisce proprio, quando ci saranno le elezioni, e prima o poi ci saranno, la conquista di maggioranze strabordanti da parte di un centrodestra a trazione leghista.

 

Inoltre nell’elezione del presidente della Repubblica, con un numero di parlamentari minore, peserebbero di più le delegazioni regionali, e già oggi il centrodestra è al governo nel maggior numero di regioni, senza contare che tra l’autunno e la primavera si vota per il rinnovo delle regioni tradizionalmente “rosse”, con previsioni tutt’altro che rosee per la sinistra. Così il Pd, contraddicendo la sua scelta contraria ribadita nelle tre votazioni precedenti, appoggerebbe ora una riforma demagogica che non rimuove le cause delle lungaggini dell’iter parlamentare, che deriva dal bicameralismo perfetto, col risultato di favorire un’espansione della forza del sovranismo salviniano che si dice di voler combattere con una alleanza spuria con i Cinque stelle. La tendenza a capovolgere le decisioni, a prescindere dagli argomenti di merito per far sempre prevalere soltanto un presunto vantaggio tattico, di cui viene giustamente accusato da tempo Matteo Salvini, ora viene praticata con altrettanta e forse persino maggiore spregiudicatezza dall’altro Matteo, con l’effetto, peraltro, di destabilizzare il Pd portandolo sull’orlo di un’altra rovinosa scissione. Tutto questo per creare condizioni alla fine più favorevoli proprio per il “nemico principale”. Sembra si sia dimenticato l’abc della politica.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • g.burlando

    13 Agosto 2019 - 09:52

    Il taglio dei parlamentari sarebbe forse l'unica cosa buona proposta da questo governo. Nell'articolo si fa solo ed unicamente riferimento all'aspetto politico . Credo che gli Italiani siano stanchi di avere dei rappresentanti assolutamente incompetenti come molti degli attuali. Meno rappresentanti ,pagati anche il doppio ma in grado di gestire la cosa pubblica in modo corretto nell'interesse dei cittadini: Si faccia poi un confronto rapporto cittadini /parlamentari con altre democrazie Grazie

    Report

    Rispondi

  • stefano.fumiatti

    12 Agosto 2019 - 20:45

    Siamo proprio certi che il PD si trova sull'orlo di una "rovinosa scissione" ?? E se invece al posto di un PD eternamente "indeciso" ci fossero 2 soggetti politici, uno propriamente di "sinistra", che potrebbe ricongiungersi con le tante anime "rosse" sparpagliate, un altro liberista e riformista che potrebbe aspirare, perchè no, ad attrarre elettori dal M5s (tanti tornerebbero in un PD vecchio stile) , dalla Lega (tanti nei sondaggi, secondo me, indicano la Lega per mancanza di alternative) e da FI. 2 offerte politiche distinte e ben "caratterizzate" potrebbero attrarre e soddisfare più elettori in modo più chiaro e fruttifero.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    12 Agosto 2019 - 20:40

    Siamo al classico "contrordine compagni". Cosa non si fa pur di tenersi incollati a una poltrona! Credo che la credibilità di questi parlamentari del PD abbia ormai raggiunto lo zero assoluto. Gli elettori hanno scarsa memoria, ma non sino al punto di assistere senza ricordarsene il giorno dellle elezioni al rovesciamento subitaneo e manifestamente opportunistico di posizioni propugnate per anni con apparente convinzione.

    Report

    Rispondi

  • luciano.pellegrini59

    12 Agosto 2019 - 19:27

    dimenticato l'abc della politica? la politica è morta e prima se ne prende atto e meglio è luciano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi