I giornalisti del Fatto a Travaglio: sei troppo grillino

Un documento sindacale della redazione critica la linea editoriale. E il direttore replica: “In trentacinque anni di professione nessuno mi aveva mai detto che sono un tifoso”

Roma. Grosso guaio a casa Travaglio. “Il giornale ha perso la sua terzietà”. Così mercoledì, al termine di un’assemblea di redazione, i giornalisti del Fatto Quotidiano hanno presentato un documento sindacale rivolto all’amministrazione e al direttore del giornale, Marco Travaglio. Una durissima critica alla linea editoriale piegata sempre più a sostegno del Movimento cinque stelle. Insomma un tentativo di ammutinamento dovuto alle difficoltà che diversi colleghi non schierati incontrano quotidianamente nel tentativo di garantire un’informazione il più possibile obiettiva e plurale. Il giorno successivo, ovvero ieri mattina, Travaglio si è presentato alla riunione di redazione. Leggendo da un foglietto, e senza guardare nessuno negli occhi – manco fosse lì ad affrontare Silvio Berlusconi nello studio di Santoro – ha pronunciato all’incirca queste parole: “In trentacinque anni di professione nessuno mi aveva mai detto che sono un tifoso”. Pertanto il direttore ha ribadito, di fronte a chi aveva osato metterla in dubbio, la sua proverbiale e ben riconosciuta terzietà. Poi, concludendo la lettura del foglietto, ha spiegato ai suoi giornalisti come andranno le cose da ora in poi: “Non parlerò più con la redazione. Mi rapporterò soltanto con i vicedirettori”, che sono quattro. E insomma Travaglio ha spiegato alla redazione del suo giornale come stanno le cose: il Fatto sono io. Peccato che nessuno abbia chiesto l’antidoping.

 


 

Ci scrive il Fatto quotidiano

 

Al direttore - Con riferimento all’articolo pubblicato il 24 maggio dal Foglio, “I giornalisti del Fatto a Travaglio: sei troppo grillino”, precisiamo che nella lettera inviata il 22 maggio da questo Cdr ai vertici aziendali e al direttore, previa approvazione in assemblea, non c’è affatto “una durissima critica alla linea editoriale piegata sempre più a sostegno del Movimento cinque stelle”. Tanto meno è in corso “un tentativo di ammutinamento”, né si è mai parlato di “difficoltà che diversi colleghi non schierati incontrano quotidianamente nel tentativo di garantire un’informazione il più possibile obiettiva e plurale”. La redazione non ha mai messo in discussione la professionalità e l’indipendenza del direttore Marco Travaglio, al quale ha confermato piena fiducia come peraltro ribadito anche nella lettera in questione. E’ solo la normale dialettica tra redazione, azienda e direzione, tipica di un giornale libero che ha sempre garantito visibilità a opinioni diverse. Auguriamo la stessa libertà a tutti i giornalisti italiani. Tutto il resto è un tentativo di screditare il Fatto quotidiano e chi ci lavora.

Il Cdr del Fatto quotidiano:Alessandro Mantovani, Giorgio Meletti, Francesco Ridolfi

  

Prendiamo atto della risposta e notiamo che le uniche cose non smentite sono proprio quelle virgolettate nel nostro articolo. Si conferma dunque che secondo l’assemblea dei giornalisti del Fatto “il giornale ha perso la sua terzietà”. E che Marco Travaglio ha risposto: “Non parlerò più con la redazione, mi rapporterò soltanto con i vicedirettori”. Sarà questa la “normale dialettica”. Da parte nostra nessun tentativo di screditare il Fatto e i suoi giornalisti, solo normale cronaca.

Di più su questi argomenti: