cerca

I giornalisti del Fatto a Travaglio: sei troppo grillino

Un documento sindacale della redazione critica la linea editoriale. E il direttore replica: “In trentacinque anni di professione nessuno mi aveva mai detto che sono un tifoso”

24 Maggio 2019 alle 06:00

I giornalisti del Fatto a Travaglio: sei troppo grillino

Marco Travaglio (foto LaPresse)

Roma. Grosso guaio a casa Travaglio. “Il giornale ha perso la sua terzietà”. Così mercoledì, al termine di un’assemblea di redazione, i giornalisti del Fatto Quotidiano hanno presentato un documento sindacale rivolto all’amministrazione e al direttore del giornale, Marco Travaglio. Una durissima critica alla linea editoriale piegata sempre più a sostegno del Movimento cinque stelle. Insomma un tentativo di ammutinamento dovuto alle difficoltà che diversi colleghi non schierati incontrano quotidianamente nel tentativo di garantire un’informazione il più possibile obiettiva e plurale. Il giorno successivo, ovvero ieri mattina, Travaglio si è presentato alla riunione di redazione. Leggendo da un foglietto, e senza guardare nessuno negli occhi – manco fosse lì ad affrontare Silvio Berlusconi nello studio di Santoro – ha pronunciato all’incirca queste parole: “In trentacinque anni di professione nessuno mi aveva mai detto che sono un tifoso”. Pertanto il direttore ha ribadito, di fronte a chi aveva osato metterla in dubbio, la sua proverbiale e ben riconosciuta terzietà. Poi, concludendo la lettura del foglietto, ha spiegato ai suoi giornalisti come andranno le cose da ora in poi: “Non parlerò più con la redazione. Mi rapporterò soltanto con i vicedirettori”, che sono quattro. E insomma Travaglio ha spiegato alla redazione del suo giornale come stanno le cose: il Fatto sono io. Peccato che nessuno abbia chiesto l’antidoping.

 


 

Ci scrive il Fatto quotidiano

 

Al direttore - Con riferimento all’articolo pubblicato il 24 maggio dal Foglio, “I giornalisti del Fatto a Travaglio: sei troppo grillino”, precisiamo che nella lettera inviata il 22 maggio da questo Cdr ai vertici aziendali e al direttore, previa approvazione in assemblea, non c’è affatto “una durissima critica alla linea editoriale piegata sempre più a sostegno del Movimento cinque stelle”. Tanto meno è in corso “un tentativo di ammutinamento”, né si è mai parlato di “difficoltà che diversi colleghi non schierati incontrano quotidianamente nel tentativo di garantire un’informazione il più possibile obiettiva e plurale”. La redazione non ha mai messo in discussione la professionalità e l’indipendenza del direttore Marco Travaglio, al quale ha confermato piena fiducia come peraltro ribadito anche nella lettera in questione. E’ solo la normale dialettica tra redazione, azienda e direzione, tipica di un giornale libero che ha sempre garantito visibilità a opinioni diverse. Auguriamo la stessa libertà a tutti i giornalisti italiani. Tutto il resto è un tentativo di screditare il Fatto quotidiano e chi ci lavora.

Il Cdr del Fatto quotidiano:Alessandro Mantovani, Giorgio Meletti, Francesco Ridolfi

  

Prendiamo atto della risposta e notiamo che le uniche cose non smentite sono proprio quelle virgolettate nel nostro articolo. Si conferma dunque che secondo l’assemblea dei giornalisti del Fatto “il giornale ha perso la sua terzietà”. E che Marco Travaglio ha risposto: “Non parlerò più con la redazione, mi rapporterò soltanto con i vicedirettori”. Sarà questa la “normale dialettica”. Da parte nostra nessun tentativo di screditare il Fatto e i suoi giornalisti, solo normale cronaca.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • nudol

    26 Maggio 2019 - 20:08

    Travaglio il tuo sguardo ti tradisce, ti stai vendicando contro chi ti a fatto diventate quello che sei ma non quello che volevi essere,,sei una persona misera di idee, vuoi lavare le mutante sporche degli altri mentre le tue le nascondi sotto il letto. Sei una cellula impazzita di un DNA fascista, tifi per quattro fannulloni che non hanno mai conoscuto il sacrificio, solo perche essi parlano di onesta, ma caro Travaglio l´onesta´ si aquista con il sacrificio

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    24 Maggio 2019 - 22:10

    Simili coi simili. È legge di natura.

    Report

    Rispondi

  • CohleandHart

    24 Maggio 2019 - 17:05

    A me nessuno aveva mai detto che travaglio è un giornalista. Al massimo è un agit-prop.

    Report

    Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    24 Maggio 2019 - 11:11

    Per completezza di informazione e scusandomi per la mia assoluta ignoranza, voluta, circa questo giornale, chi è l’editore de Il Fatto Quotidiano?

    Report

    Rispondi

    • portaticinese

      24 Maggio 2019 - 18:06

      E' una public company (SEIF s.p.a.) che si è quotata in Borsa a metà marzo. Amministratore delegato Cinzia Monteverdi

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi