cerca

Tra i delitti contro la civiltà del M5s ricorderemo anche la chiusura di Radio Radicale

“La posizione è molto chiara”, ha detto Crimi: “L’intenzione del governo, mia e del ministero dello Sviluppo, è di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale”

16 Aprile 2019 alle 06:00

Tra i delitti contro la civiltà del M5s ricorderemo anche la chiusura di Radio Radicale

foto LaPresse

Quando l’Italia si sarà finalmente liberata del M5s, quando si compirà il processo a questo potere belluino che voleva instaurare un regime di analfabeti cronici, quando rimetteremo insieme i cocci di questa follia (quando?), allora tra i tanti capi d’imputazione, tra i delitti compiuti contro la cultura, l’informazione, la politica e persino l’intelligenza, ci sarà anche la chiusura di Radio Radicale. E allora quel giorno ci tornerà alla mente il nulla rotondo e sintattico di Vito Crimi, che fu per incidente della storia sottosegretario di un governo che aveva per vicepremier Luigi Di Maio, cioè la radice quadrata di zero. Ci torneranno alla mente le parole di questi due ex emarginati che volevano far espiare al paese intero le loro frustrazioni aggredendo quel genere di risorse intellettuali con le quali non erano mai riusciti a intrattenersi, perché evidentemente nemmeno le capivano. “La posizione è molto chiara”, ha detto Crimi: “L’intenzione del governo, mia e del ministero dello Sviluppo, è di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale”.

  

  

Quattrocentotrentamila e settecento registrazioni, dodicimila sedute di Aula tra Camera e Senato, diecimila sedute di commissioni parlamentari, tremila congressi di partiti, associazioni e sindacati, settemila comizi e manifestazioni, più di tredicimila convegni, ventiseimila dibattiti e presentazioni di libri, ventimila conferenze stampa, ottantacinquemila interviste, ventunomila udienze dei più importanti processi. Questa cosa che non si sa bene cosa sia, la memoria o addirittura la memoria collettiva, a Radio Radicale si vede e si ascolta: “In una voce, tutte le voci”. E’ tecnica archivistica alimentata dal cuore, sublimata nella cultura e nella passione intellettuale. Il giro di opinioni, anche quelle dei cinque stelle, l’ultimo lancio di agenzia, il senso dei giornali e della politica da irrorare: tutto ciò sarà ricordato domenica mattina, a Roma, all’altare della patria, in una manifestazione di piazza. La radio viva dentro un corpo, quello del Partito radicale, che invece non c’è più, amputato, morente. E poi la voce di Massimo Bordin, che è già nella storia del giornalismo italiano: il colpo di tosse continuo di un mago dell’informazione, l’affanno come scansione e commento a ogni passaggio di spontaneità elegante, e libera.

 

Ma come pretendere che tutto questo possa essere compreso da chi non sa niente, da chi considera la comunità nazionale come fosse un bottino, da un gruppo di persone che si è impadronito delle fantasie malate, morbose, incolte di tanti italiani, e adesso avanza agitando scalpi ideologici. Vogliono risparmiare 5 milioni di euro all’anno chiudendo Radio Radicale, ma sono disposti a spenderne miliardi e miliardi per nazionalizzare Alitalia e le Autostrade. Affermano di voler salvare le ditte che fanno autobus, lavatrici e cioccolatini, qualsiasi cosa, perché – ben si capisce – l’unica attività che non ha interesse pubblico è proprio l’informazione. Così, mentre con una mano chiudono Radio Radicale, con l’altra finanziano – con soldi pubblici, prelevando cioè trecento euro al mese dagli stipendi dei loro parlamentari – quell’obbrobrio chiamato Rousseau, la piattaforma privata e opacamente gestita di Davide Casaleggio. Che libri hanno letto, quali film hanno visto, quanta radio hanno ascoltato? Per quanto tempo dovremo sopportare il primitivismo, l’ignoranza e la demagogia? Verrà un giorno…

Salvatore Merlo

Salvatore Merlo

Milano 1982, giornalista. Cresciuto a Catania, liceo classico “Galileo” a Firenze, tre lauree a Siena e una parentesi erasmiana a Nottingham. Un tirocinio in epoca universitaria al Corriere del Mezzogiorno (redazione di Bari), ho collaborato con Radiotre, Panorama e Raiuno. Lavoro al Foglio dal 2007. Ho scritto per Mondadori "Fummo giovani soltanto allora", la vita spericolata del giovane Indro Montanelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • graciela.cesari

    17 Aprile 2019 - 18:06

    Grazie, Salvatore Merlo, di esprimere così bene ciò che provo.

    Report

    Rispondi

  • oliolà

    16 Aprile 2019 - 19:07

    E' la democrazia, bellezza mia. Sono o non sono il primo partito Italiano? Hanno trovato qualcuno con cui fare il governo e anche Mattarella ha dovuto arrendersi. Come? C'entra anche la nostra Costituzione? Certo. Però, sempre di Democrazia si tratta. Col referendum, costituzionalissimo e democraticissimo, sono state rimesse le cose a posto, popolo italiano votante. O dunque?

    Report

    Rispondi

  • NAPOORSO

    16 Aprile 2019 - 19:07

    Chiusura della Casa delle Donne di Roma e chiusura di Radio Radicale: anche gli orologi fermi 2 volte al giorno indicano l'ora giusta! Per avere una informazione politica si paga il canone RAI: ed proprio per questo la RAI oltre il canone incassa extra dalla Repubblica.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    16 Aprile 2019 - 18:06

    Che volete che sia. Alleluia, alleluia, mercoledì arriva Madonnina Greta, sarà ricevuta in Vaticano dal Gesuita Papa. Frulla l’idea di raffigurare con le sue politicamente corrette sembianze la Madonna della Pietà che tiene in grembo il corpo della terra: uccisa da coloro che la sfruttano senza pietà. Poi sarà ospite del Senato. Arriverà con un aereo che è il condensato del mondo che lei, anima furba e bellina, esecra. Fosse arrivata a piedi percorrendo la Via Franchigena, forse sarebbe più credibile. Ah, business is business.

    Report

    Rispondi

    • ricc49

      17 Aprile 2019 - 16:04

      Arriva in treno, genio del nulla

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi