cerca

Romanità de sinistra

Dal Pci al Pd, da Veltroni a Zingaretti, passando per Rutelli, Bettini, D’Alema. Sezioni, licei, circoli, Rai, tribunali, film. Che cosa lega, al di là di tutto, amici e nemici nella storia della gauche capitolina

Marianna Rizzini

Email:

rizzini@ilfoglio.it

10 Marzo 2019 alle 06:12

Romanità de sinistra

Democratici in piazza del Popolo alla fine di settembre per manifestare contro il governo gialloverde (foto LaPresse)

C’entra qualcosa, Roma? C’entra eccome, Roma, forse è poco forse è tutto, nella storia che è stata vista e raccontata, in questi giorni, come storia di parziale resurrezione della sinistra via primarie del Pd, domenica 3 marzo, quando Nicola Zingaretti ha vinto su Maurizio Martina e Roberto Giachetti. C’entra molto, la città, in questa storia della sinistra-centrosinistra che a Roma pur sempre deve tornare, come per forza di gravità, e che con Roma deve fare i conti, ché “Roma non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Marianna Rizzini

Marianna Rizzini

Marianna Rizzini è nata e cresciuta a Roma, tra il liceo Visconti e l'Università La Sapienza, assorbendo forse i tic di entrambi gli ambienti, ma più del Visconti che della Sapienza. Per fortuna l'hanno spedita per tempo a Milano, anche se poi è tornata indietro. Lavora al Foglio dai primi anni del Millennio e scrive per lo più ritratti di personaggi politici o articoli su sinistre sinistrate, Cinque Stelle e populisti del web, ma può capitare la paginata che non ti aspetti (strani individui, perfetti sconosciuti, storie improbabili, robot, film, cartoni animati). E' nata in una famiglia pazza, ma con il senno di poi neanche tanto. Vive a Trastevere, è mamma di Tea, esce volentieri, non è un asso dei fornelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    11 Marzo 2019 - 13:01

    Essendo molto anziano e appassionato di rassegna stampa ho sempre letto che la più parte dei ricconi di Italia erano più adusi ad accucciarsi sotto le ali protettrici del Pci che della Diccì. Roma in questa vocazione ricconesca doceva.

    Report

    Rispondi

Servizi