cerca

Per l'Economist Intelligence Unit l'Italia è una "democrazia difettosa" e la colpa è di Salvini

La retorica violenta del leader leghista contro gli stranieri non ci rende più sicuri, ma meno liberi

10 Gennaio 2019 alle 14:32

Per l'Economist l'Italia è una "democrazia difettosa" e la colpa è di Salvini

Matteo Salvini (foto LaPresse)

L'Italia scivola dal 21esimo al 33esimo posto nella classifica delle democrazie (il Democracy Index) pubblicata ogni anno dall'Economist Intelligence Unit (Eiu), l'unità di ricerca e analisi del settimanale britannico. 

 

“Il deterioramento delle libertà civili in Italia”, spiegano gli autori dello studio, è stato causato dalle politiche del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, sui migranti e sui rom. Il rapporto dedica un approfondimento al caso italiano con il seguente titolo: “Il governo anti establishment e la minaccia alle libertà civili”. I ricercatori elencano in ordine cronologico tutte le promesse e le misure che hanno causato questa regressione. Le responsabilità maggiori appartengono a Salvini. La sua “retorica contro gli stranieri” ha avvelenato il clima sociale e si è verificata negli sgomberi delle minoranze Rom, la chiusura dei porti ai migranti e l'approvazione del decreto sicurezza.

            

 La classifica dei paesi più democratici al mondo (The Economist Intelligence Unit)

  

Fonte: Economist Intelligence Unit

 


Queste misure, che secondo la narrazione di Salvini dovrebbero rendere i cittadini più sicuri, in realtà li rendono meno liberi. “Tutto ciò contribuisce a deteriorare le nostre libertà civili”, spiegano gli autori dello studio. L'indice dell'Eiu è calcolato sulla base di cinque variabili: processo elettorale e pluralismo, funzionamento del governo, partecipazione politica, cultura politica e libertà civili. La “cultura politica” è la componente che più si è indebolita in Italia nell'ultimo anno a causa “dell'uomo forte (Salvini, ndr), e della sua tendenza a scavalcare le istituzioni politiche”.

  

E non è un caso che, a differenza degli anni passati, l'Italia nel 2018 è classificata come “una democrazia difettosa”. La stessa categoria in cui vengono raggruppati i paesi dell'Europa dell'est, che hanno teorizzato la “democrazia illiberale” e con cui Salvini ha stretto dei rapporti di amicizia. Nell'indice dell'Eiu l'Italia si trova dopo Taiwan (32esimo posto) e prima della Repubblica Ceca (34esimo). La Polonia governata dai sovranisti del Pis, con cui Salvini si è incontrato ieri per costruire un asse sovranista in vista delle elezioni europee, si trova al 54esimo. Poche posizioni sopra l'Ungheria di Viktor Orbán (57esima), contro cui il Parlamento europeo ha attivato l'articolo 7 a settembre per la presunta violazione dello stato di diritto.

 

 La classifica dei paesi più democratici nell'europa occidentale (The Economist Intelligence Unit)  

  

  


 

Tuttavia, la crisi della democrazia non è solo un tema italiano ma è un problema diffuso in tutta Europa. Gli indici nell'Europa occidentale continuano a essere più alti rispetto al resto del mondo: sette dei dieci paesi più democratici al mondo si trovano in questa area geografica. Norvegia, Islanda e Svezia occupano i primi tre posti in classifica. Il problema è che nell'ultimo anno ci sono stati pochi miglioramenti. Solo Germania, Malta e Svezia sono saliti in classifica. Oltre all'Italia, c'è stato un calo democratico anche in Austria, governata dal 2017 da una coalizione composta dal Partito popolare e l'estrema destra. Lo stesso è avvenuto in Turchia (che stranamente viene classificata dall'Eiu come un paese dell'Europa occidentale), che l'anno scorso ha approvato un referendum che ha dato più poteri al presidente Recep Tayyip Erdogan a scapito del Parlamento.

Gregorio Sorgi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • niky lismo

    10 Gennaio 2019 - 21:09

    Che la destra illiberale (ribadisco: quella illiberale, non la destra aperta e perbene) avversi la democrazia e la partecipazione non è una scoperta. Che il regresso culturale dell'Italia e degli italiani determini un'acquiescenza, anzi un consenso, alla perdita di civiltà e di libertà, si spiega solo con l'imbarbarimento dovuto all'abbandono dei valori legati alla conoscenza, alle capacità critiche, alla propensione all'approfondimento. Né sorprende che l'ultima destra e l'ultima sinistra (in termini di tempo) al governo abbiano entrambe assecondato il disastro, essendo entrambe prive di un'autentica cultura politica. Aggiungiamoci facebook e wikipedia ed il fondo è raggiunto. Il rimedio? Il sapere, il ragionare, il conoscere: tutto quanto di questi tempi è irrilevante o superfluo

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      11 Gennaio 2019 - 18:06

      Intanto che sa, ragiona e conosce, noti anche che la Francia è appena due posizioni sopra l'Italia tra i cattivi dell'Economist (la Spagna appena una), mentre la tanto esecrata Austria (mamma i nazisti) è tra i buoni.

      Report

      Rispondi

    • portaticinese

      11 Gennaio 2019 - 10:10

      Perfetto

      Report

      Rispondi

Servizi