cerca

Rotatoria dannata

Il cerchio vale oro, ma il simbolo araldico della Padania è ora ictus democratico in Europa, tra gilet e Brexit

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

9 Gennaio 2019 alle 06:00

Rotatoria dannata

Foto Pixabay

Inteso come simbolo alchemico, il cerchio vale oro. Come simbolo universale, niente come l’inarrestabile giro della forma che compie se stessa parla di amore, armonia, condivisione tra diversi. Per ogni figlio di Albione, la Tavola rotonda evoca l’età dell’oro, quando a governare erano i saggi e non gli stolti. Più banalmente, il simbolo che indica la rotazione circolare è per tutti la mano che ci guida dolcemente (dolcemente viaggiare / evitando le buche più dure) a immissioni virtuose nel traffico....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • stearm

    09 Gennaio 2019 - 14:02

    Se parlate con qualche elettore leghista in Veneto o nella Lombardia rurale e gli chiedete cosa ha fatto la Lega in trent'anni per il bene comune, vi parlerà con commozione delle rotonde. Il vuoto del popolo produce il vuoto della politica e anche il vuoto delle rotonde, perchè quando non c'erano le rotonde agli incroci, ai lati dei semafori c'era il baretto, il fruttivendolo e il macellaio...

    Report

    Rispondi

Servizi