cerca

In Veneto il credito di Salvini sta finendo. Si sogna il modello catalano

Il progetto indipendentista non è mai stato abbandonato, neanche ora che la Lega è al governo e in testa a tutti i sondaggi

6 Dicembre 2018 alle 06:00

In Veneto il credito di Salvini sta finendo. Si sogna il modello catalano

Luca Zaia alla manifestazione per l'autonomia del Veneto il 22 ottobre 2017 (Foto Imagoeconomica)

Padova. Quello di Matteo Salvini può sembrare un miracolo politico. Ha ereditato un partito schierato a difesa del settentrione e ne ha fatto una forza il cui slogan è “prima gli italiani”. In realtà, il partito della secessione è stato facilmente trasformato nella versione italiana del Front National per una ragione fondamentale: perché già prima una larga parte della propaganda era orientata più sul tema dell’immigrazione che su quello della ridefinizione dell’assetto territoriale. In questo senso, Salvini è stato il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • stearm

    06 Dicembre 2018 - 10:10

    Il modo più facile per arrivare all'indipendenza del Veneto è proprio quello di un default sul debito, ovvero se lo Stato italiano dichiara bancarotta. A quel punto il legame tra singole regioni e Stato cessa sostanzialmente di esistere. Successe lo stesso nella Ex-Jugoslavia. Per questo credo che il messaggio nemmeno tanto sublimale che arriva all'indipendentista veneto dalla retorica salviniana sia proprio quello. Anche dire uscire dall'Euro, per un paese come l'Italia vorrebbe dire sospendere de facto la sovranità monetaria nazionale. Ovvero lo Stato italiano cessa di avere una moneta comune (quella vecchia) e deve passare ad una nuova moneta. Ma a quel punto, ogni regione potrebbe anche decidere di istituire la propria, all'inizio magari parallelamente alla 'nuova' lira. Tra l'altro, il Veneto o altre regioni potrebbero ben decidere di non contribuire alla ristrutturazione del debito italiano denominato. Slovenia e Croazia fecero lo stesso.

    Report

    Rispondi

Servizi