cerca

I guardiani del vincolo esterno

Tria e Moavero polverizzano le sparate di Salvini e Di Maio per servirle all’Unione europea

30 Agosto 2018 alle 06:00

I guardiani del vincolo esterno

Foto Imagoeconomica

Roma. Probabilmente nemmeno loro, i protagonisti di questa commedia o dramma politico, in realtà hanno ancora ben capito chi sarà, alla fine, a mettere nel sacco gli altri, in un gioco di specchi e d’inganni, urletti e sussurri, in cui i vincoli della realtà collidono con quelli della politica e delle promesse elettorali sigillate dal contratto di governo. E allora sarà vittorioso il cauto buon senso del ministro dell’Economia Giovanni Tria, che va in Cina a spiegare che mai e poi mai sarà sforato il 3 per cento del rapporto deficit/pil, o s’imporrà invece la baldanza spensierata dei proconsoli Salvini e Di Maio? Reggerà la muta tessitura diplomatica del ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, che a ogni insulto dei vicepremier e a ogni loro minaccia rivolta verso Parigi e Berlino alza con discrezione il telefono – antica arte – per lenire, minimizzare, troncare e sopire?

 

La manovra finanziaria di ottobre si avvicina a lunghi passi impigliati lungo la strada dell’incognito, lo spread tra le sparate himalayane dei due capo impresari e le ragionevoli sordine dei due ministri competenti aumenta sempre di più, e se per qualche mese era lecito ipotizzare che il divario si sarebbe assottigliato nel tempo, lasciando intravedere a distanza dalla campagna elettorale un fondo di raziocinio sotto il velo torbido della propaganda grilloleghista, ecco che invece adesso i meglio informati immaginano una Finanziaria che sarà il prologo della lunga campagna per le elezioni europee del 2019: una legge di Bilancio nella quale nessuna delle iperboliche e irrealizzabili promesse sulle tasse e sul reddito di cittadinanza vedrà la luce, un rovesciamento del contratto di governo che Di Maio e Salvini imputeranno per intero agli intrighi dell’Europa e ai complotti dei soliti evanescenti poteri finanziari, in una cavalcata ormai senza briglia verso il successivo salto nei cerchi di fuoco contro l’Unione europea, le sue istituzioni e i suoi fragili equilibri. E insomma, alla fine di questo pandemonio, non si saprà più bene se sarà stata la padronanza della tecnica a sopraffare la ribalderia o se al contrario, nell’affermazione del principio di realtà e del sapere tecnico non si nasconda comunque la coda velenosa di una mascalzonata ancora peggiore.

Salvatore Merlo

Salvatore Merlo

Milano 1982, giornalista. Cresciuto a Catania, liceo classico “Galileo” a Firenze, tre lauree a Siena e una parentesi erasmiana a Nottingham. Un tirocinio in epoca universitaria al Corriere del Mezzogiorno (redazione di Bari), ho collaborato con Radiotre, Panorama e Raiuno. Lavoro al Foglio dal 2007. Ho scritto per Mondadori "Fummo giovani soltanto allora", la vita spericolata del giovane Indro Montanelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luzi.marta

    30 Agosto 2018 - 14:02

    Per nostra fortuna i dioscuri si sono lasciati scappare Moavero e Tria! Speriamo che non ci facciano caso così presi come sono da loro stessi!

    Report

    Rispondi

Servizi