cerca

Ecco perché il “deep state” che combattete è tutto gialloverde

Ma quale anti-establishment, il governo Lega-M5s è l'espressione dello stato profondo italiano

5 Agosto 2018 alle 06:15

Il governo Lega-M5s è l'espressione dell'establishment

Foto Lapresse

La grande onda gialloverde, a dispetto del suo fragore, non ha ancora depositato a riva nessuna idea nuova che valga la pena discutere. E dire che sono in molti a tentare di cavalcarla, pagaiando affannati con le braccia, a pancia in giù sulle loro tavole da surf: cattolici slavofili che si affidano al gladio del nuovo zar per spazzar via l’apostasia mondialista del drago a due teste Soros-Bergoglio, magari con la benedizione di qualche Augusto Del Noce in sedicesimo, diciamo pure qualche Del Nocciolina; evoliani ringalluzziti perché il Barone nero è stato salvato e riportato sul bagnasciuga da due scafisti intellettuali, uno sbarcato dall’America (Bannon) e l’altro dalla Russia (Dugin), con Fusaro e Giulietto Chiesa vicescafisti; qualche reaganiano chiassoso da mercato rionale (sempre mercato è) convinto che la grande onda sia quella del capitalismo che si rinnova, roba da Tea party sotto allucinogeni. Più defilati, e con meno mulinar di braccia, ci sono poi stimabili liberal-conservatori che si struggono per rivivere con Salvini l’amore bovaristico che li legò (con qualche ragione in più) a Rodolphe-Berlusconi, illusi che, al di là delle intemperanze da burbero, stia creando il grande partito conservatore. E questo senza neppure contare il think tank della dinastia Casaleggio, che in anni di pensosa elaborazione tutto ciò che ha saputo produrre è un antiparlamentarismo da rivincita dei nerd e un rousseauismo da liceo occupato.

 

L’onda è imponente, ma cosa resta, a riva? Ciottoli di vecchie ideologie che ritornano ciclicamente – sempre più levigate dagli anni, sempre più indistinguibili da souvenir-patacca; qualche conchiglia dalla forma bizzarra e orrida (sostituzione etnica? oh ma che curiosa balordaggine, le do un’occhiata e la ributto in acqua); distese di meduse morte, o che si speravano innocue dai tempi dello sbarco in Sicilia; e soprattutto bottigliette di plastica di cattiva importazione, equipaggiamento immancabile nei marsupi dei nostri trumpiani di provincia o di strapaese. Siamo seri, si può giocare al teatrino dell’establishment contro il popolo in un paese in cui i superprivilegiati e gli ultrareietti sono regolarmente insieme sulle barricate contro qualunque riforma, in cui tutti si aspettano tutto dalla munificenza della politica? Ultimamente, poi, la formula che va per la maggiore negli attici degli opinionisti e nei seminterrati dei commentatori comuni – sempre più indistinguibili – è “deep state”. Chi non ha voluto Savona all’economia? Il deep state. Chi ha posto il veto su Foa alla Rai? Il deep state. Chi ha manomesso nottetempo il decreto dignità? Il deep state. Chi si prepara a disarcionare Salvini in autunno con qualche manovra di palazzo? Che domande, il deep state.

 

Neppure a dirlo, negli scrigni di questo Stato profondo che opera per sabotare i capi eletti dal popolo ciascun sommozzatore dei fondali della paranoia trova un po’ quel che vuole – gli eurocrati, Mattarella, il patto del Nazareno, la finanza globale, il piduismo perenne, SpongeBob, la lobby gay, la Corte costituzionale, i cattocomunisti degli abissi. Ma se prendiamo la formula nell’unico senso accettabile da una persona raziocinante – ossia: in un sistema istituzionale complesso esistono alte burocrazie, magistrature, boiardi di Stato o di sindacato che perpetuano i loro poteri e perseguono le loro agende in modo relativamente indipendente dal succedersi degli esecutivi – ecco che arriva la terribile rivelazione: il sottomarino è giallo, anzi, gialloverde. Mai governo, dal 1992 (l’anno dell’affondamento dei poteri elettivi per l’impatto col grande iceberg), era stato espressione così sfacciata e trionfale dello Stato profondo italiano, delle sue corporazioni, delle sue burocrazie e delle sue fazioni ideologiche, che infatti formarono un’onda sola per mandare a picco il referendum costituzionale. E’ la stessa onda che ha deposto ai nostri piedi il mostro gialloverde, e di abissale c’è solo la grossolanità dei suoi propagandisti. Profondo rozzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • imentori@ophiere.it

    imentori

    05 Agosto 2018 - 23:11

    Assolutamente vero, i gialloverdi sono conservazione pura, espressione degli strati sociali atterriti dall'efficientizzazione del sistema tentata dal governo Renzi, segnatamente con la riforma elettorale. Dice Udo Gumpel che se non fosse per gli indici della PA l'impresa italiana avrebbe una produttività altissima tale da intercettare tantissimo sostegno in fondi di coesione. Il problema è dunque una PA che non vuole cambiare, usata come calmiere sociale, in danno proprio di quegli strati "diseguali" in nome di quali si perora la sua intangibilità.

    Report

    Rispondi

  • annadiana.debernardi

    05 Agosto 2018 - 23:11

    Applausi

    Report

    Rispondi

  • teobalsmo

    05 Agosto 2018 - 12:12

    Sempre più weimariano e suo fedele lettore. Grazie

    Report

    Rispondi

Servizi