cerca

L’apertura del Cav. al governo tecnico è l’alibi ideale per Salvini

Famiglia e azienda premono sul leader di FI. Di Stefano (M5s): “Mattarella, raffinato, favorisce la via di fuga al centrodestra”

9 Maggio 2018 alle 10:25

L’apertura del Cav. al governo tecnico è l’alibi ideale per Salvini

Silvio Berlusconi (foto LaPresse)

Roma. Quando l’ipotesi che sembrava troppo ardita diventa all’improvviso quella apparentemente più percorribile, è da poco passata l’ora di pranzo. Succede, in particolare, subito dopo la replica di Mariastella Gelmini a Giancarlo Giorgetti. “Berlusconi faccia un gesto di responsabilità e permetta la nascita di un governo politico tra M5s e Lega”, ha invocato lo stratega di Matteo Salvini. “Richiesta irricevibile”, ribatte di lì a breve – e “con una fretta un po’ eccessiva”, fanno notare i suoi compagni di partito più “aperturisti” – la capogruppo di Forza Italia alla Camera. Ed è a quel punto che la suggestione fino ad allora soltanto vagheggiata, liquidata per tutta la mattina con scettici sogghigni, prende consistenza nei conciliaboli e nelle chat dei parlamentari di M5s e Lega. Uniti, almeno su questo, nel prefigurare quello che accadrà. Perché a quel punto, come in un bizzarro capovolgimento degli eventi e delle probabilità, la prospettiva dell’appoggio esterno azzurro a un governo giallo-verde pare farsi più astrusa, ed ecco che prende quota l’altra soluzione: quella, cioè, dell’inciampo tecnico. “Ora è chiaro – riflettono i leghisti – che se Berlusconi ufficializza il suo appoggio al governo tecnico, per noi diventa facile rompere. 

 

E insomma la rottura a lungo attesa e favorita, così estenuantemente inseguita che “ormai”, sbuffa Riccardo Fraccaro, “siamo fuori tempo massimo”, si fa prossima come forse non lo è mai stata, in questa sfibrante serie di allucinazioni post-elettorali. Il ragionamento che si diffonde e che parecchi grillini, pur dissimulando, confermano, è grosso modo questo: la scelta di Berlusconi sull’appoggio al governo tecnico, che Sergio Mattarella è in procinto di presentare, può costituire l’incidente perfetto. Perché se Forza Italia annuncia il suo sostegno all’esecutivo del capo dello stato, a quel punto Salvini trova un alibi formidabile per giustificare la rottura della coalizione, e Berlusconi avrebbe buon gioco a scongiurare una nuova campagna elettorale dagli esiti per nulla incoraggianti. E così, prima ancora che il premier “neutrale” si presenti alle Camere a chiedere la fiducia, per il leader del Carroccio si riaprirebbe naturalmente la via che porta all’accordo con Luigi Di Maio. Del resto, se l’idea di tornare alle urne a luglio a molti parlamentari di Forza Italia appare come una mossa scriteriata (tanto che a metà mattinata, con una goliardia solo apparentemente innocua, tra i forzisti comincia a circolare anche l’hashtag #colcavolo – solo in forma appena meno elegante di quella qui riportata), anche i pentastellati, a sentirli parlare a taccuini chiusi, dicono che il loro “Sì” al voto con la canicola è in realtà un “Nì”, e che insomma se si potesse trovare un’altra soluzione sarebbe assai meglio. E la soluzione potrebbe essere stato proprio Mattarella a propiziarla. Dice, col sorriso sul volto, Manlio Di Stefano: “Il presidente della Repubblica è stato molto raffinato. Alla fine, l’ipotesi del governo tecnico potrebbe aiutare chi non ha ancora avuto la forza di prendersi certe responsabilità a farlo”. Il riferimento, ovviamente, è a Salvini. Che però, ai suoi, continua a predicare pazienza, pur sapendo che lo sblocco è imminente. Perché, dopo tutto, resta ancora in ballo anche l’altra possibile via d’uscita dalla crisi.

 

Berlusconi, è vero, per ora resta fermo sulla sua contrarietà a qualsiasi forma di sostegno al M5s; ma sta ricevendo pressioni e suggerimenti – specie dai suoi parenti e dai vertici delle aziende di famiglia – per riconsiderare l’ipotesi di un appoggio esterno, magari attraverso l’astensione. Certo, riflettono in Forza Italia, a quel punto gli andrebbe riconosciuto un ruolo da padre nobile, “da salvatore della patria”: una legittimazione, insomma, che esalti la sua scelta di defilarsi. Se però Berlusconi dovesse resistere, allora resterebbe l’altra strada: formalizzare la volontà di sostenere il governo del presidente, agevolare la rottura di Salvini e camuffare il proprio passo di lato come un atto di responsabilità istituzionale, puntando di nuovo a ricompattare il partito che non vuole nuove elezioni e “riconquistare l’elettorato moderato che non apprezzerebbe – si ragiona in Transatlantico – un abbraccio ancor più stretto con l’estremismo leghista”. Il tutto, ovviamente, prima che Mattarella convochi il suo premier neutrale: perché evitare al capo dello stato la non esaltante figura di creare un governo senza maggioranza, è in fondo un interesse trasversale.

Valerio Valentini

Nato a L'Aquila, nel 1991. Cresciuto a Collemare, piccolo paese sugli Appennini abruzzesi. Maturità classica, laurea in Lettere moderne all'Università di Trento, dopo un Erasmus nell'Essex e uno a Parigi. Al Foglio sono arrivato per la prima volta nel 2017, come stagista, e l'ho trovato il posto migliore dove fare il giornalista e occuparsi di politica. Ho scritto un libro, "Gli 80 di Camporammaglia" (Laterza), sulla gente delle mie parti e sul loro strano modo di stare al mondo, che ha vinto nel 2018 il Premio Campiello Opera Prima

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • David

    David

    09 Maggio 2018 - 11:27

    Credo che marceremo veloci verso un governo cdx -5stelle ,trovando un modo per camuffare la presenza di Berlusconi.I 5stelle per svariati motivi non sono in grado di sfidare Mattarella e pertanto voterebbero un governo neutrale che li vedrebbe in un accordo con il Pd e tutta l’area assimilabile alla cd sinistra.

    Report

    Rispondi

Servizi