cerca

Ancora 24 ore per far nascere il governo Lega-M5s

Incontro tra Di Maio e Salvini che chiedono al Quirinale tempo per arrivare a un accordo. Il nodo resta Berlusconi. Forza Italia si spacca sull'“astensione benevola”

9 Maggio 2018 alle 14:13

Ancora 24 ore per far nascere il governo Lega-M5s

Foto LaPresse

Forse Sergio Mattarella lo ha sempre saputo che la sua sfida lanciata al “partito del voto subito” avrebbe sbloccato la situazione. O forse ha solo giocato d'azzardo. E la sua propensione al rischio è stata, in qualche modo, premiata. Infatti, a poco più di 48 ore dalla “minaccia” di dar vita a un governo neutro, le elezioni anticipate sembrano allontanarsi per lasciare spazio alla nascita di un esecutivo politico fondato su un accordo tra Lega e M5s.

  

Matteo Salvini e Luigi Di Maio si sono incontrati e hanno chiesto al Quirinale altre 24 ore per provare a raggiungere un'intesa. Sia nel Carroccio che tra i grillini c'è ottimismo. L'obiettivo sembra essere più vicino di qualche ora fa e forse già a metà pomeriggio potrebbero esserci novità.

  

 

Il problema è sempre lo stesso: Forza Italia. Silvio Berlusconi per ora ha sempre detto no alla possibilità di sostenere esternamente un esecutivo leghista-grillino. Ma il suo partito è più che mai diviso. Questa mattina, rivolgendosi direttamente al Cav., il governatore della Liguria Giovanni Toti lo ha invitato a valutare una forma di “astensione benevola”. 

 

In tanti, tra i deputati e i senatori forzisti, preferiscono questa ipotesi piuttosto che dover affrontare una campagna elettorale dall'esito incerto con il rischio di non essere rieletti. Non solo, se Berlusconi dovesse mantenere la “linea dura”, una buona parte di loro potrebbe decidere di passare alla Lega. Il Cav. vuole però che sia chiaro e visibile che è Salvini a rompere la coalizione di centrodestra per governare con il M5s.

 

Nel frattempo Di Maio, parlando di Berlusconi, ha spiegato che “contro di lui non ci sono veti”, sottolineando anche che il leader di Forza Italia non è certo tra i principali responsabili dell'attuale situazione di stallo. Parole “dolci” che sembrano dette apposta per blandire il Cavaliere. Ancora 24 ore e sapremo se avranno ottenuto l'effetto sperato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • oliolà

    09 Maggio 2018 - 21:09

    Il Presidente, Mattarella, ha detto: Il governo lo faccio io. Signor Presidente, hanno detto subito Salvini e Di Maio, questo non ce lo deve fare, facciamo finta,almeno, che lo si faccia noi. Ma a renderlo possibile, questo scherzetto, è sempre lui, Berlusconi. Una volta si diceva, se bene alla Fiat va bene all'Italia. Da quasi un quarto di secolo, si fa (ma non si dice) in modo che vada bene a Fininvest perché vada bene a l'Italia. In attesa che vada bene a qualche Casaleggio.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    09 Maggio 2018 - 18:06

    Il delitto politico perfetto, quello ordito dal 4 dicembre 2016, sta per realizzarsi: due piccioni con una fava: fuori Renzi e Berlusconi. Il buffo, tutto nostrano, è che il 4 dicembre Berlusconi, per miope, infantile, risentimento quirinalizio, avesse aderito al fronte del NO. Arlecchini e burattini e le maschere di ogni paese, non si smentiscono mai.

    Report

    Rispondi

  • AndreaQualunque

    09 Maggio 2018 - 16:04

    Berlusconi non ne ha azzeccata una dall'inizio della campagna elettorale ad oggi. Completi l'opera a questo punto con un bel appoggio a M5S.

    Report

    Rispondi

  • bstucc

    09 Maggio 2018 - 16:04

    Due mesi per arrivare all'ovvio-

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi