cerca

L’asse Travaglio-Di Maio-Pd visto da Londra

Il Financial Times scopre il governo preferito dal Fatto Quotidiano (e pure dal Corriere)

3 Aprile 2018 alle 06:00

L’asse Travaglio-Di Maio-Pd visto da Londra

Luigi Di Maio e Marco Travaglio (elaborazione grafica Il Foglio)

Persino il Financial Times si è accorto, ieri, di un particolare del dibattito politico italiano che nel nostro piccolo abbiamo più volte segnalato ma che molti commentatori ancora faticano a mettere a fuoco: che il “media moralist” Marco Travaglio si batte contro il possibile accordo tra Cinque stelle e Lega. Anzi, da quando l’ipotesi ha iniziato a prendere quota, il direttore del Fatto sta provando a “stroncare sul nascere” il deal. “Salvini e Di Maio dovrebbero porre fine subito alla loro collaborazione istituzionale. Se governassero insieme, i Cinque stelle verrebbero linciati sulla pubblica piazza”, riporta il quotidiano della City. Che al suo scelto pubblico internazionale spiega chi sia e cosa pensi Travaglio – le battaglie contro la corruzione, contro Berlusconi e poi, in modo anche più virulento, contro Renzi e la sua riforma costituzionale – e il ruolo del suo giornale che ha collaborato a ispirare “la ribellione contro la tradizionale classe politica”. Soltanto che adesso il giornale che ha sostenuto e aiutato l’ascesa politica del M5s pone un altolà al disegno (legittimo) di Di Maio di cercare una convergenza con l’altro partito populista anti sistema: Senza mezzi temini”, Travaglio “avvisa Di Maio di stare lontano” dalla Lega, perché a suo modo di vedere “c’è molta più compatibilità fra i Cinque stelle e il centrosinistra”. Il Financial Times nota anche, nel finale, che la posizione di Travaglio non è esattamente minoritaria, se anche il Corriere della Sera, “giornale radicato nell’establishment”, sembra essere da tempo “più simpatetico con i Cinque stelle” e su una linea di pensiero simile a quella di Travaglio circa l’alleanza che Di Maio dovrebbe fare: con il Pd.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    03 Aprile 2018 - 12:12

    Anche gli orologi rotti come Travaglio 2 volte al giorno segnano l'ora giusta: questa è una delle due. Ma poi come si fa a mettere sullo stesso piano esperienze politiche come quelle della Lega, che governa, e bene, Lombardia e Veneto, con quelle dei 5S che si vede come invece governano Roma e Torino. Ed è risibile magari sostenere che Maroni (e Fontana) e Zaia siano altra cosa da Salvini: sono sfaccettature dello stesso movimento leghista, che ricordiamoci trae origine dal territorio (altro che "populista anti sistema") ed è dunque ben radicato, contrariamente ai 5S che sono solo "indignados" sfasciacarrozze incapaci di proporre qualunque cosa di buon senso o almeno realista. Non basta essere d'accordo su alcuni temi (ma i grillini sono così ondivaghi e qualunquisti da mettere anche questo in dubbio), quando l'idea di stato e società è invece molto diversa. Anche se spero proprio di no, mi sa che il vaso comunicante fra l'elettorato PD e quello 5S farà il resto.

    Report

    Rispondi

Servizi