cerca

Salvini e il Cav., la coppia che scoppia

Felpa e doppiopetto. Storia dell’alleanza improbabile che può funzionare nelle urne. Ma dopo?

23 Febbraio 2018 alle 06:00

Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

Silvio Berlusconi e Matteo Salvini (foto LaPresse)

Roma. Si punzecchiano, si sfidano, si fanno concorrenza, e allora Matteo Salvini dice che “il candidato premier sono io”, e Silvio Berlusconi gli risponde ricordandogli che “Forza Italia è quattro punti sopra la Lega”. E mentre il più giovane non si fida e lo vorrebbe portare addirittura dal notaio per fargli firmare una specie di patto di non tradimento, un contratto anti inciucio, una cosa a metà tra un matrimonio e un’ipoteca, il più vecchio replica con l’aria che aveva Totò mentre vendeva la fontana di Trevi: “Una stretta di mano è sufficiente”. E c’è davvero qualcosa di incongruo eppure di magico in questa acrobatica alleanza del centrodestra, tra un leader sovranista che spiega di essere “profondamente euroscettico”, l’arruffato Salvini che spesso paragona l’Unione europea al Terzo Reich, e il presidente impresario, Berlusconi, che si rifugia nel ri-patto con gli italiani, e che riceve a Roma il capogruppo del Ppe Manfred Weber: “Berlusconi è il più pragmatico, ragionevole e responsabile, e io lo appoggio”. Una coppia talmente scoppiata dovrebbe far scappare gli elettori a gambe levate, e invece sembra calamitare i consensi, innesca una competizione interna che funziona. In Germania Cdu e AfD sono i peggiori nemici, come in Francia i gaullisti con la Le Pen. In Italia sono alleati. Non si spiega, se non forse con la natura anomala del Cavaliere prestigiatore. 

     

E d’altra parte, l’arrembante Salvini era partito, all’inizio, rifiutando alleanze, incontri e mediazioni, dicendo “basta con Berlusconi”, “vado per conto mio”, “non accetteremo rapporti con nessuno che non sia per l’uscita immediata dall’euro”. Poi il leader della Lega ha cambiato un po’ idea, ha smussato gli angoli, ha detto che “per governare abbiamo bisogno di un’alleanza”, “così grazie ai voti dell’alleanza poi facciamo quello che vogliamo noi”. E infine, adesso, Salvini è arrivato a dire che se Forza Italia prendesse più voti della Lega, lui accetterebbe Antonio Tajani e persino Mario Draghi alla presidenza del Consiglio. Un ribaltamento quasi totale rispetto alle bellicose premesse. Ma anche un’apparente insensatezza, che fa dubitare della sua sincerità, e un po’ fa il paio con le mille pragmatiche cautele di Berlusconi. E infatti il Cavaliere non prende mai di petto Salvini, fa spallucce e smussa appena avverte un accenno d’intemperanza da parte del suo giovane alleato. E allora gli dicono che Salvini è razzista, e lui sorride: “Ma no, sembra così, invece quando si siede a tavola è molto ragionevole”. Poi gli dicono che Salvini è violento, e lui: “Il violento è di Maio”. E non si capisce mai fino in fondo se quello del vecchio Berlusconi è un metodo per non litigare con Salvini o è un modo di non prenderlo sul serio, con l’aria di chi, mentre dice “ è ragionevole”, sotto sotto allude al fatto che “Salvini fa quello che dico io”. Un atteggiamento pericolosamente liquidatorio: mai sottovalutare gli avversarsi, figurarsi gli alleati.

        

Con Umberto Bossi era più facile, e non solo per questioni anagrafiche: la Lega era un partito minoritario nel rapporto con il colosso Forza Italia-Pdl che stava al 30 per cento. Con Salvini è invece tutta un’altra storia: lui e Berlusconi hanno quasi gli stessi voti. E inoltre Salvini ha lentamente sfilato al Cavaliere il dominio del mood televisivo di Mediaset. Da Barbara D’Urso a Paolo Del Debbio fino a Maurizio Belpietro, gli argomenti della televisione berlusconiana sono in gran parte gli argomenti di Salvini: immigrati che stuprano, furti in casa, impoverimento delle famiglie, le insicurezze di nonna Peppina, l’eurotruffa, le banche ladre e più pistole per tutti.

     
E insomma non si sa come fanno a stare insieme, mentre uno urla che ci vogliono i dazi sulle merci importate e l’altro tesse l’elogio del “commercio libero che porta il benessere”, ma è così. Quello di Berlusconi e Salvini sembra un istintivo accordo ordinato agli scopi della raccolta elettorale, un proficuo adattarsi di certe concordanze: l’interesse e la politica. Ma è pure un’alleanza fondata più o meno consapevolmente sull’equivoco, avvolta, nutrita e per adesso fortificata da un’impalpabile nuvola di reciproca malafede. Funziona con la legge elettorale. Ma dopo il voto che succede?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    23 Febbraio 2018 - 12:12

    Paragonare l'UE al terzo Reich è esagerato, però l'UE è la protesi della Germania, che è la nazione che più ne ha beneficiato (anche e soprattutto con l'euro). I tedeschi hanno conseguito senza guerra il dominio continentale. Meditate gente. Salvini razzista e violento? Come se fosse razzismo voler governare l'immigrazione clandestina e rimandare indietro chi non ha diritto a rimanere (Foglio di ieri: “Non possiamo accogliere tutte le persone che arrivano in Francia (…) Se lei non è in pericolo, deve ritornare nel suo paese. E in Marocco, lei non è in pericolo”. Parola del vostro beneamato Macron, è anche lui razzista?). Si ha poi finora qualche notizia di violenze leghiste? Come se fosse violenza auspicare le ruspe per sgombrare i campi rom abusivi (senza naturalmente le persone dentro). I programmi Mediaset riportano la realtà che altre reti più patinate, o chi frequenta i salotti a la M.me Verdurin, non vogliono vedere, perché disturba la "narrazione" di Renzino

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    23 Febbraio 2018 - 12:12

    Paragonare l'UE al terzo Reich è esagerato, però l'UE è la protesi della Germania, che è la nazione che più ne ha beneficiato (anche e soprattutto con l'euro). I tedeschi hanno conseguito senza guerra il dominio continentale. Meditate gente. Salvini razzista e violento? Come se fosse razzismo voler governare l'immigrazione clandestina e rimandare indietro chi non ha diritto a rimanere (Foglio di ieri: “Non possiamo accogliere tutte le persone che arrivano in Francia (…) Se lei non è in pericolo, deve ritornare nel suo paese. E in Marocco, lei non è in pericolo”. Parola del vostro beneamato Macron, è anche lui razzista?). Si ha poi finora qualche notizia di violenze leghiste? Come se fosse violenza auspicare le ruspe per sgombrare i campi rom abusivi (senza naturalmente le persone dentro). I programmi Mediaset riportano la realtà che altre reti più patinate, o chi frequenta i salotti a la M.me Verdurin, non vogliono vedere, perché disturba la "narrazione" di Renzino

    Report

    Rispondi

  • p.ascari

    23 Febbraio 2018 - 10:10

    Già. ma pensarci prima no eh? cosa non si fa per avere il potere .. ...... ci si allea anche col demonio. però poi? Si vincono le elezioni (?), ma si perde col governo. Ennesimo film già visto. Ma questa volta dura meno. Sarà anche un genio, il vostro Cav, come scrivete a giorni alterni, a demolire Renzi sistematicamente per tre anni di fila. Adesso che si metta d'accordo col bel tomo con la felpa, il genio.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      23 Febbraio 2018 - 11:11

      Risulterebbe che è stato Renzi a mollare il Cav., o no?

      Report

      Rispondi

      • p.ascari

        23 Febbraio 2018 - 14:02

        Non risulta. risulta che il Cav si è offeso perchè Renzi ha fatto eleggere Mattarella invece del cocco del Cav, Giuliano Amato. Ma se Renzi avesse supportato Amato, lo avrebbe fatto a costo di una battaglia sanguinosa con metà (e passa) dei suoi, che non lo volevano affatto. Dopo quello strappo, i giornali del Cav e i vari Brunetta hanno cominciato a martellare Renzia più non posso, day by day. Solo Alfano e i suoi lo hanno supportato, e bene hanno fatto, secondo me. . E anche su di loro giù l'anatema del Cav. Basta così?

        Report

        Rispondi

        • Lou Canova

          23 Febbraio 2018 - 19:07

          Il Cav. non ha avuto il coraggio di fare ciò che una vera destra moderata e liberale, di stampo europeo, avrebbe dovuto fare: sostenere fino in fondo, non solo finché fa comodo, riforme che avrebbero finalmente razionalizzato l'inefficiente e fallito parlamentarismo italiano e tagliare senza equivoci i ponti con la destra sfascista, anti mercato, protezionista, sovranista, anti-euro, svalutista e decrescista. Purtroppo SB con la sua innata ambiguità tattica lascerà ai posteri una destra populista lontana mille miglia dal progetto originario della rivoluzione liberale.

          Report

          Rispondi

Servizi