cerca

Comunali Palermo, Ismaele La Vardera candidato sindaco bluff: il documentario con la regia delle Iene

Il caso dopo la rissa con l'attore Francesco Benigno, candidato per il consiglio comunale nella lista di La Vardera, sostenuto da Fratelli d'Italia e Noi con Salvini. Meloni nega la liberatoria

15 Giugno 2017 alle 11:42

Ismaele La Vardera candidato sindaco

Il manifesto elettorale di Ismaele La Vardera

La candidatura di Ismaele La Vardera a sindaco di Palermo potrebbe essere una farsa. Il giornalista, inviato delle Iene, ha ottenuto 7.043 voti, il 2,59 per cento, arrivando quarto alle comunali che si sono svolte domenica scorsa, dietro al rieletto Leoluca Orlando, a Fabrizio Ferrandelli e al grillino Ugo Forello. Ma adesso si sta concretamente facendo strada l'ipotesi che La Vardera abbia architettato un bluff, con la regia delle stesse Iene, per girare un documentario che racconti i retroscena più controversi delle campagne elettorali e della politica in generale.

  
Il 24enne La Vardera, che ha corso con il simbolo di Fratelli d'Italia e di Noi con Salvini, per mesi, con tutti i crismi del politico in piena campagna elettorale, ha attraversato Palermo accompagnato da due operatori, che in molti in città scambiavano per suoi semplici amici. In realtà il giovane candidato del centro-destra avrebbe realizzato di nascosto parecchie registrazioni scomode, nelle quali i protagonisti inconsapevoli sarebbero i leader di tutti gli schieramenti o quasi.

  
Nessuno, nemmeno all'interno della sua squadra, sarebbe stato a conoscenza dei piani. A cominciare, ovviamente, da Giorgia Meloni: la presidente di Fratelli d'Italia fa sapere di essere “molto amareggiata”, e si vocifera che abbia negato la liberatoria per la diffusione delle immagini che la riguardano. Anche Matteo Salvini era ignaro del presunto bluff, mentre i vertici siciliani della Lega starebbero valutando i margini di un'azione legale.

 
È stato l'attore Francesco Benigno, candidato al consiglio comunale con la lista di La Vardera, a far emergere una storia che sta dividendo i palermitani, tra chi si schiera a fianco del giovane Ismaele e tra chi, la maggioranza, lo sta attaccando, anche con epiteti irriferibili. Ieri sera, nella sede del comitato elettorale, ci sarebbe stata una rissa tra il celebre volto di “Mery per sempre” e “Ragazzi fuori” e il candidato sindaco. Lo scontro sarebbe nato dopo la rivelazione di La Vardera a Benigno per chiedergli la liberatoria. Ismaele La Vardera al momento non ha rilasciato dichiarazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi